Acqua miracolosa dall’Irlanda agli Usa/ Ecco come le hostess hanno esaudito il desiderio di un bimbo malato

Acqua santa trasportata di nascosto in un volo aereo dall’Irlanda agli Stati Uniti

17.12.2018 - Paolo Vites
Aereo, piloti in cabina: immagini di repertorio da Pixabay

La Contea di Clare, in Irlanda, è nota per i molteplici pozzi contenenti, secondo la credenza locale, acqua santa, acqua in qualche modo miracolosa. Normalmente queste acque vengono usate per le benedizioni delle case e dei fedeli, ma in molti abitanti sono convinti delle qualità miracolose, tanto che non pochi sono i pellegrini ma anche i turisti che vengono a visitare questi piccoli santuari sparsi nelle campagne. Uno di questi si trova in località di Burren ed è denominato pozzo di Santa Brigida. Quando circa un mese fa un bambino di una famiglia di origine irlandese di Philadelphia negli Stati Uniti si è ammalato gravemente, i genitori hanno subito pensato all’acqua del pozzo di Santa Brigida, confidando nelle sue qualità miracolose come si tramanda da secoli. Il problema è che le leggi antiterrorismo dispongono il divieto assoluto di trasportare liquidi sugli aeroplani, dunque il desiderio dei due genitori non poteva essere esaudito.

L’ACQUA MIRACOLOSA NASCOSTA IN AEREO

Una volta che la notizia ha fatto il giro del web, si è mosso il presidente dell’associazione hotel irlandesi. L’uomo, Michael Vaughan, si è messo in contatto con Nora Kennedy che ha un nipote che fa il pilota di aereo, affinché trasportasse una bottiglietta di acqua benedetta con lui nella cabina di pilotaggio, ma il divieto vale anche per i piloti. Ma non si è dato per vinto: si è accordato con l’equipaggio di servizio di un volo della compagnia irlandese Aer Lingus che ha accettato di portare con loro il liquido che è stato consegnato a Philadelphia a un operatore turistico che lo ha consegnato a sua volta alla famiglia del bambino malato. Non si hanno notizie al momento di una eventuale guarigione, ma in un momento storico dove la Chiesa in Irlanda vive il suo peggior momento per gli scandali relativi ad abusi sessuali, l’episodio dimostra come la fede sia ancora viva e come gli irlandesi siano pronti a farsi in quattro per un gesto che nessuno avrebbe preso seriamente.



© RIPRODUZIONE RISERVATA