Vienna, vescovo con piscina, sauna e amante/ Andreas Schwarz ha sottratto più di un mln di euro alla Chiesa

Vienna, vescovo con piscina, sauna e amante. Andreas Schwarz ha sottratto più di un milione di euro alla Chiesa

21.12.2018 - Davide Giancristofaro Alberti
Andreas Schwarz, vescovo che ha sottratto più di un milione alla chiesa
Andreas Schwarz (web)

Aveva una piscina con annessa sauna il vescovo Andreas Schwarz. Ma non finisce qui, perché quello era solo uno dei tanti vizietti che l’uomo di Chiesa aveva, spendendo più di un milione di euro sottratti alla stessa. Come riferisce l’edizione online del Corriere della Sera, quell’uomo di chiesa aveva anche un’amante, una relazione con Andrea Erzinger, tra l’altro nominata dallo stesso, direttrice di un centro di formazione con annesso stipendio da 91mila euro all’anno. «Era condizionato dall’arbitrio e dagli umori di questa sua confidente – si legge nel fascicolo a chiusura delle indagini – a causa dell’obbligo del celibato previsto per i sacerdoti». Il sospetto è che lo stesso Schwarz abbia sottratto molto più di un milione di euro, e di conseguenza le indagini potrebbero riaprirsi, e non è da escludere possano emergere risvolti penali, leggasi truffe o speculazioni. Purtroppo non è la prima volta che si verificano episodi di questo tipo, anche in Italia.

VIENNA, VESCOVO CON PISCINA, SAUNA E AMANTE

Ad inizio mese, ricorda il Corriere della Sera, un parroco veneto si era giocato 900mila euro sottratti ai fedeli, alle slot machine, un vizietto che lo stesso non riusciva proprio a contenere. A Las Vegas, invece, due suore della California hanno sperperato 500mila dollari, sempre sottratti alla chiesa. Due casi associati alla ludopatia, una malattia riconosciuta dal ministero per cui servono apposite cure e che si sta cercando di combattere da anni, ma quanto fatto dal vescovo Schwarz non ha nulla a che vedere con il gioco. Il suo era semplicemente un vizio “umano”, la voglia di spendere, di fare la bella vita e di avere al fianco una compagna, come fanno tutti i comuni mortali. Peccato però che un prete, un vescovo, un prelato, un cardinale, e via discorrendo, non possa permettersi di tenere certi comportamenti per via del voto di fede nei confronti di Dio e delle Chiesa. A rendere ancor più grave l’episodio, il fatto che il vescovo Schwarz sia uno dei più noto nel mondo del clero, con una carriera alle spalle di ben 42 anni, e meritevole addirittura di una pagina su Wikipedia. Ovviamente Schwarz rimanda al mittente ogni accusa, ma Bergoglio ha inviato un suo messaggero in Austria per vederci chiaro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA