16enne si addormenta con le cuffie e muore folgorato/ Lo trovano con ustioni e sangue dalle orecchie

Si addormenta con le cuffie e muore folgorato: la tragica fine di un 16enne, trovato dalla madre con ustioni e sangue dalle orecchie

07.12.2018 - Silvana Palazzo
Cuffie_Metro_Pixabay
16enne si addormenta con le cuffie e muore folgorato - Pixabay

Si addormenta con le cuffie del cellulare e muore folgorato. La vittima di questa terribile tragedia è un ragazzo di 16 anni. L’incidente è avvenuto vicino a Rembau, città che si trova nello stato di Negeri Sembilan, in Malesia. Quando si è addormentato, Mohammed Aidil Azahar Zaharin indossava le sue cuffiette. La mamma, che il mattino successivo è entrato nella sua stanza, lo ha trovato folgorato e con il sangue che usciva dalle orecchie. Ha quindi chiamato i soccorsi, ma quando sono arrivati i medici non hanno potuto fare altro che accertare la morte del ragazzino. Inoltre, come riportato da Il Messaggero, è stato confermato che sul corpo del ragazzo non sono state trovate altre ferite o lividi, a parte il sanguinamento e le ustioni all’orecchio sinistro. Dall’autopsia è poi emerso che la causa della morte del 16enne è stata proprio la folgorazione. Il fratello ha anche detto di aver avvertito una piccola scossa elettrica quando ha toccato il cavo.

16ENNE SI ADDORMENTA CON LE CUFFIE E MUORE FOLGORATO

Forse voleva ascoltare un po’ di musica prima di addormentarsi, ma si è assopito con le cuffie ancora nell’orecchio e il cellulare acceso e sotto carica. Così una improvvisa scarica elettrica lo ha colpito folgorandolo. Questa tragedia è costata la vita ad un ragazzo malese di 16 anni, ritrovato esanime nell’abitazione di famiglia. La scoperta è avvenuta nella tarda mattina successiva quando la mamma, che si era recata a lavoro credendolo addormentato, si è impensierita perché non riusciva a contattarlo. Tornata a casa, ha trovato il figlio nella sua stanza ma esanime e con il sangue che gli usciva dalle orecchie. Gli esami post morten hanno confermato la causa del decesso. È andata meglio tempo fa ad un uomo di Huntsville, in Alabama: stava dormendo vicino allo smartphone messo in carica quando la catenina che portava al collo è scivolata incastrandosi tra il caricabatterie e il cavo di prolunga del cellulare. Il contatto ha dato vita ad una scossa elettrica che lo ha folgorato, ma non ucciso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA