Inghilterra, fa a pezzi compagna e getta alcune parti del corpo in bagno/ “Ora aspetto il giorno del giudizio”

- Paolo Vites

In un momento di probabile abuso di stupefacenti, un uomo inglese ha ucciso la propria compagna e ne ha fatto a pezzi il corpo gettandolo nel bagno di casa

attentato_polizia_gran_bretagna_newcastle_terrorismo_allarme_twitter_2017
Polizia inglese

Per quattro mesi ha vissuto in mezzo a un lago di sangue e alle parti rimanenti del cadavere della sua compagna e le armi del delitto. Quattro lunghi mesi nei quali non ha ripulito nulla e l’unica cosa che faceva era scrivere post su facebook in cui diceva di aspettare “il giorno del giudizio”. Poi evidentemente non ce l’ha fatta più neanche lui e ha avvisato la famiglia di quello che aveva fatto e delle condizioni in cui viveva “con i resti del corpo di lei”. Dean Lowe, 33 anni, ha confessato l’orribile omicidio della sua compagna, Kirby Noden, avvenuto nel gennaio del 2017 nella loro casa a Marazion in Cornovaglia. I due avevano vissuto insieme per diversi anni in varie località dell’Inghilterra, da quel poco che si sapeva di loro non conducevano uno stile di vita esattamente sano e tranquillo, dedito all’uso di stupefacenti, quasi sempre chiusi in casa. Probabilmente in uno di questi momenti di abuso di droghe l’uomo, non si sa per quale motivo se non per probabili allucinazioni, ha ucciso la donna.

FA A PEZZI COMPAGNA E GETTA ALCUNE PARTI DEL CORPO IN BAGNO

Dopo aver ucciso la compagna ne ha fatto a pezzi gran parte del corpo, pezzi che ha chiuso in alcuni sacchetti e poi gettato nel bagno di casa, eliminandoli con lo sciacquone. Non si sa poi perché ha smesso di preoccuparsi di far sparire il corpo della Noden e ha lasciato i resti tranquillamente lì dove si trovavano. Nel maggio dello stesso anno, dopo quattro mesi ha finalmente contattato la sua famiglia e li ha avvisati che c’era “un corpo sul pavimento che aveva fatto a pezzi, messo in dei sacchetti e gettato nel water di casa”. Contattata la polizia, questi si sono recati da lui e hanno trovato l’orribile conferma di quello che l’uomo aveva descritto. “Chi potrebbe mai vivere per mesi con il cadavere della propria vittima che va in decomposizione?” si è chiesto il capo della polizia locale. Ma Dean Lowe lo ha fatto senza preoccuparsi di pulire quasi nulla.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori