Cristiani perseguitati in Gran Bretagna?/ Jacob Rees-Mogg: “Perché non si è tolleranti con la fede cattolica?”

Scontro televisivo alla Bbc tra un deputato conservatore di fede cattolica e l’intervistatrice che ha cercato di metterlo in difficoltà sulle sue visioni politiche. Le polemiche

23.05.2018 - Paolo Vites
chiesa-gotica-pixabay
Foto Pixabay

Protestano due vescovi cattolici inglesi dopo quello che appare un vero e proprio indegno attacco al deputato conservatore Jacob Rees-Mogg sulla sua fede cattolica. I vescovi delle città di Shrewsbury e Paisley parlano di “interrogatorio” ai suoi danni e di indegno bigottismo da parte della conduttrice Jo Coburn del programma The Daily Politics dove l’ospite è stato tempestato di domande sulla sua fede e le sue opinioni sociali. Tra le varie “chicche” della trasmissione, il momento in cui uno la presentatrice chiede al politico se il fatto di essere cattolico potrebbe essere di impedimento al suo eventuale diventare capo del governo. Ci sono stati momenti di tensione, quando il deputato ha accusato la Coburn di “attaccare i punti di vista della Chiesa cattolica” dopo che gli ha chiesto se la sua fede avrebbe potuto portare a dei problemi con il leader scozzese del Partito conservatore, Ruth Davidson, lesbica e incinta dalla sua compagna. “Non critico nessuno dei miei colleghi” ha risposto Rees-Morg “ma lei crede nella tolleranza religiosa?”.

CRISTIANI PERSEGUITATI IN GRAN BRETAGNA? IL CASO JACOB REES-MOGG

La presentatrice ha replicato che potrebbero esserci persone che avrebbero dei problemi. “Lei sta dicendo che la tolleranza arriva a così poco che non bisogna essere tolleranti con la Chiesa cattolica, questo non significa dunque bigottismo religioso?” ha risposto il deputato aggiungendo che “l’atto di tolleranza significa tollerare le persone con cui non vai d’accordo, non solo quelle che sono d’accordo con te, il problema della tolleranza dei liberali è che è arrivata al punto di tollerare solo ciò che piace loro”. Per il vescovo Mark Davies la persecuzione a cui è stato sottoposto il politico “dimostra come la Bbc e i suoi intervistatori considerano che la fede cattolica non vada tollerata pubblicamente, è difficile non considerare questo modo di fare un nuovo bigottismo”. In sostanza, ha aggiunto il vescovo, la presentatrice ha chiesto al deputato se è pronto a separare la sua fede dalla politica, in un atteggiamento tipico della Bbc che non è altro che propaganda pro Lgbt. Secondo il collega conservatore Sir Edward Leigh, la Bbc presenta i cattolici nei propri programmi come se non appartenessero al mondo contemporaneo.

I commenti dei lettori