Elon Musk e il Tripadvisor per i giornalisti/ L’ultima idea del visionario sudafricano: ce l’ha con i media

Elon Musk e il Tripadvisor per i giornalisti, l’ultima idea del visionario sudafricano: ce l’ha con i media. Secondo il manager di Tesla e di Paypal, servirebbe un sistema di valutazione

Musk_Elon_Lapresse
Elon Musk contro i giornalisti e i media - LaPresse

Ce l’ha con i giornalisti Elon Musk. Il visionario fondatore di Tesla e cofondatore di Paypal, ha pubblicato una serie di tweet nelle ultime ore, scagliandosi appunto contro la carta stampata e con i media. Secondo l’imprenditore sudafricano, i giornalisti sarebbero troppo duri nei confronti della propria multinazionale, ed in particolare della Model 3, l’ultima nata dell’azienda automobilistica “green”. Quasi filosofico il discorso del 46enne di Pretoria, che scrive: «L’ipocrisia bigotta dei grandi gruppi mediatici che assicurano di pubblicare la verità ma poi diffondono il necessario per edulcorare il falso: ecco perché il pubblico non li rispetta più». Un tweet che è stato poi ripreso anche dal figlio di Donald Trump, e che ha trovato numerosi consensi fra i propri seguaci, ma anche diversi pareri contrari.

“SE CRITICHI I MEDIA TI DICONO CHE SEI COME TRUMP”

E a proposito di Trump, Musk ha aggiunto: «Ogni volta che qualcuno critica i media questi urlano “Sei come Trump!”. Perché pensate che sia stato eletto? Perché nessuno vi crede più, avete perso credibilità molto tempo fa». Arriva quindi la nuova proposta sorprendente di Musk, una sorta di Tripadvisor per i giornalisti e i media, ovvero, un sito dove recensire il lavoro dei giornalisti, di modo da comprendere fin da subito se lo stesso sia attendibile o meno. Per Elon si potrebbe chiamare Pravda, come il noto organo ufficiale di stampa del partito comunista sovietico, o meglio ancora, “You’re right!”, dominio che il manager africano avrebbe già acquisito. A riguardo ha lanciato un sondaggio rivolto ai suoi 22 milioni di seguaci su Twitter: lo farà davvero? Conoscendo il personaggio, nulla è da lasciare al caso…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori