Usa, spari dopo lite al festival in New Jersey/ Video, ultime notizie: “Diverse persone hanno aperto il fuoco”

- Emanuela Longo

Usa, sparatoria al festival d’arte in New Jersey: ferite venti persone, 4 gravi. La polizia avrebbe ucciso uno dei due assalitori, le prime testimonianze.

sparatoria_usa_new_jersey_twitter
Usa, sparatoria al festival in New Jersey (Video Twitter)

Si andrebbe delineando, con il passare delle ore, l’episodio di violenza che si è consumato la scorsa notte durante un festival d’arte nel New Jersey, Usa, durante il quale sarebbero rimaste ferite 20 persone (22 secondo i media locali, 4 dei quali sarebbero in condizioni critiche) in seguito ad una sparatoria. A scatenare gli spari, stando alle ultime notizie riferite da LaPresse, sarebbe stata una banale lite. A perdere la vita, uno dei sospettati, ritenuto tra gli attentatori che avrebbe agito sparando, mentre un secondo uomo sarebbe stato fermato. A ricostruire l’accaduto è stato il procuratore capo della contea di Mercer, Angelo Onofri che ha riferito: “Diverse persone hanno aperto il fuoco”. A quanto pare, sul posto sarebbero state recuperate varie armi. Sulle reali cause non è ancora stata fatta piena chiarezza sebbene sia stato lo stesso procuratore ad avanzare l’ipotesi di “una lite tra alcune persone. Alcuni dei presenti avrebbero dunque cominciato a spararsi tra di loro”. L’episodio violento è accaduto appena prima delle 3 della notte tra sabato e domenica a Trenton, città distante circa 100 chilometri da New York. (Aggiornamento di Emanuela Longo)

È TERRORISMO? LE PRIME IPOTESI

Al momento le forze dell’ordine americane escludono che la sparatoria avvenuta a Trenton possa essere stata causata da un attentato terroristico: sarebbe piuttosto una violenta lite scattata durante l’Art Festival a generare il panico in mezzo alla folla che ha pensato inevitabilmente ad un attacco dell’Isis o di altre forme di radicalismo islamista. C’erano 1000 persone quanto la sparatoria è scattata all’’Art all night-Trenton, una sorta di non-stop di 24 ore tra intrattenimento e arte per tutti gli avventori. I feriti sono stati trasportati nei vari ospedali della zona, a Trenton stesso e nella contea di Mercer, la capitale dello Stato di New Jersey. Per i tanti presenti è stato come un far west con spari che sembravano giungere da ogni parte, in realtà forse “esagerando” la reazione avendo pensato subito ad un attentato che al momento invece pare essere smentito. Il racconto fornito dal procuratore Onofri è pazzescamente drammatico: la polizia è stata sommersa di telefonate di uomini e donne disperate, con la sparatoria che ha fatto temere per il peggio. (agg. di Niccolò Magnani)

SPARATORIA AL FESTIVAL IN NEW JERSEY

L’Art Festival di Trenton in corso nella passata notte in New Jersey, negli Stati Uniti, si è trasformato nell’ennesima tragedia in seguito ad una sparatoria dai risvolti drammatici. Secondo le prime informazioni riportate oggi da Repubblica.it, pare che sarebbero stati due gli uomini che avrebbero aperto il fuoco sulla folla ferendo 20 persone , quattro delle quali sarebbero in gravi condizioni. Una delle vittime che attualmente lotta tra la vita e la morte sarebbe un ragazzino di appena 13 anni. La polizia locale, intervenuta sul luogo della sparatoria, avrebbe reagito al fuoco uccidendo uno dei presunti assalitori. Si tratta di un giovane uomo di 33 anni. Il secondo autore degli spari nel bel mezzo del festival e del quale al momento non si hanno ulteriori informazioni, invece, sarebbe stato assicurato alla giustizia. Al momento della sparatoria, come hanno riferito le autorità americane, pare che ci fossero circa mille persone.

PRIME TESTIMONIANZE

Sono stati lunghi momenti di panico quelli vissuti la scorsa notte durante l’Art All Night, una manifestazione culturale locale che si tiene Trenton, New Jersey, caratterizzata da mostre d’arte, concerti e ristoranti. In un clima solo apparentemente sereno, due uomini sarebbero intervenuti aprendo il fuoco sulla folla e ferendone 20 persone delle circa mille presenti. Il procuratore della contea di Mercer Angelo Onofri ha confermato che sarebbero stati due gli assalitori durante il festival. Stando al racconto di uno dei testimoni alla tv locale, inizialmente sarebbero stati sentiti i suoni degli spari, poi si sarebbe ritrovato in mezzo a moltissime persone che tentavano di fuggire, spaventate da quello che stava accadendo in quegli istanti drammatici. “Ho visto due poliziotti che trascinavano un uomo ferito alla gamba, l’hanno medicato e portato via”, ha quindi aggiunto il testimone.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori