Vescovo trasferisce preti: parrocchiani in fuga/ Usa, protesta dei fedeli e il Vaticano indaga…

- Paolo Vites

A Memphis negli Stati Uniti centinaia di parrocchiani hanno abbandonato le loro parrocchie seguendo i propri ex parroci dopo diversi trasferimenti voluti dal nuovo vescovo

chiesa_cattedrale_chartres_arte_wikipedia
La cattedrale di Chartres (foto Olvr, Wikipedia)

E’ una cosa che succede un po’ in tutto il mondo (cattolico): andare a messa la domenica dove c’è un prete che affascina più del proprio parroco. Così capita che le parrocchie si svuotino dei loro appartenenti mentre altre, anche a chilometri di distanza, si riempiano. E’ uno dei tanti segni di immaturità dei cattolici moderni, perché si dovrebbe sapere che si va a Messa non per l’uomo che è sull’altare e che fa prediche più o meno interessanti, ma unicamente per incontrare Gesù nell’Eucarestia, tutto il resto è solo contorno. Succede anche a Memphis, nello stato americano del Tennesseee, dove i parrocchiani hanno dato vita a una vera protesta di massa contro il il vescovo locale che preoccupa le autorità ecclesiali più dal punto di vista economico che altro, anche questo un segno della cattolicità moderna. Anzi no, i soldi sono sempre stati in primo piano sin dai tempi di San Francesco a quelli del cardinal Marcinkus  nella Chiesa.

USA, VESCOVO TRASFERISCE PRETI: PARROCCHIANI IN FUGA

Ma cosa è successo? Semplicemente che il vescovo attuale, nominato nel 2016, Martin Holley, ha deciso in questi anni di trasferire in altre parrocchie ben 42 parroci. I motivi li sa lui, probabilmente anche giustificati, ma ladecisione ha fatto infuriare i parrocchiani di tutta la diocesi. Così molti di loro hanno deciso di seguire i loro ex parroci nelle nuove parrocchie abbandonando le loro. Il risultato? Il crollo delle offerte in soldi, nella misura di migliaia di dollari alla settimana. La situazione preoccupa così tanto la Chiesa locale che papa Francesco ha dovuto mandare dei suoi uomini fidati perché indaghino su quel che sta accadendo. Ha commentato giustamente June Taylor, una signora che è membro della Immacolata Concezione, parrocchia del centro cittadino: “Un cristiano non dovrebbe seguire il proprio parroco, non importa quello che succede, si deve restare nel luogo a cui si appartiene. E’ una cosa triste che la gente lasci la propria parrocchia perché il parroco è stato trasferito altrove”. Intanto il Vaticano indaga sulla decisione del vescovo…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori