Cina-Usa, Jim Mattis a Pechino/ Guerra dazi, il capo del Pentagono in visita da Xi Jinping

Cina-Usa, Jim Mattis a Pechino: ultime notizie, il capo del Pentagono farà visita all’istituzione cinese per distendere il clima dopo guerra dei dazi.

donald_trump_4_lapresse_2017
Terza Guerra Mondiale, Donald Trump (LaPresse)

Cina-Usa, Jim Mattis a Pechino: il segretario della difesa americana si recherà nella capitale cinese. L’annuncio, come riportato dai colleghi dell’Ansa, è stato dato dal collega cinese Wei Fenghe, che ha sottolineato che la sua visita “contribuirà ad allentare le tensioni e a promuovere la fiducia reciproca”. Mattis e Wei sono stati protagonisti nella classica cerimonia di benvenuto per l’ospite statunitense e dopo l’ispezione della guardia d’onore, hanno avuto fitti colloqui e hanno scambiato pareri su questioni di interesse comune. E’ la prima visita a distanza di quattro anni da parte del Capo del Pentagono, che aveva affermato ieri di essere “pronto ad ascoltare molto”. Tanti i temi in ballo: “penisola coreana, i rapporti bilaterali scossi da mar Cinese meridionale e Taiwan, le cui relazioni con Usa irritano Pechino”.

CINA-USA, JIM MATTIS A PECHINO

Dopo aver incontrato il ministro della Difesa di Pechino Wei Fenghe, Jim Mattis nelle prossime ore incontrerà il presidente Xi Jinping, che è inoltre Commander-in-chief e capo della Commissione centrale militare. Negli ultimi minuti, come riportato da Tg Com 24, sono state riportate alcune dichiarazioni dei due protagonisti dell’incontro. La Cina è impegnata per la pace e non sarà causa di caos nel mondo, ma Xi Jinping ha evidenziato che “non possiamo perdere neanche un centimetro di territorio lasciatoci dai nostri antenati. Quello che è di altri popoli non lo vogliamo affatto”. Nessuna concessione sulle questioni territoriali dunque, con la grana dei dazi che continua a tenere banco: il clima di alta tensione tra Stati Uniti e Pechino ha messo in allarme le potenze internazionali, la speranza è che il vertice in corso possa distendere gli animi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori