TOKYO, AUTO SULLA FOLLA A CAPODANNO: 9 FERITI/ Ultime notizie, 21enne colpisce “contro pena di morte”

Tokyo, auto sulla folla a Capodanno: 9 feriti. Ultime notizie, 21enne arrestato dalla polizia: ha agito “per punizione contro la pena di morte”.

01.01.2019 - Dario D'Angelo
Tokyo, auto sulla folla (foto da Twitter)

Un ventunenne giapponese è stato arrestato dopo essersi lanciato contro la folla in festa per il Capodanno a Tokyo provocando un bilancio di 9 feriti. I fatti si sono verificati a Takeshita Dori, strada molto rinomata fra i turisti e i fan della cultura pop e della moda, situata a pochi passi dal santuario Meiji a Harajuku, quartiere di Shibuya. Come riferito da Rai News, il giovane è entrato in azione dieci minuti dopo la mezzanotte, dunque nel culmine dei festeggiamenti per l’arrivo del nuovo anno, mettendosi alla guida di un piccolo veicolo, come si evince dalle immagini dell’emittente nazionale Nhk, che hanno mostrato nelle loro riprese la parte frontale completamente distrutta e i paramedici impegnati nel trasporto delle persone sulle barelle in diverse ambulanze. Tra i nove feriti, una persona in particolare risulta particolarmente grave.

TOKYO, AUTO SULLA FOLLA A CAPODANNO: I MOTIVI DEL GESTO

Quello verificatosi la notte di Capodanno per le strade di Tokyo non sarebbe un attentato legato al terrorismo islamico come si potrebbe immaginare in prima istanza in un periodo storico funestato da attacchi di quella matrice. Secondo quanto riportato dalla tv Nhk, infatti, il 21enne Kazuhiro Kusakabe, questo il nome dell’autore della tentata strage, avrebbe dichiarato di aver agito per “punizione contro la pena di morte”, senza fornire dettagli più precisi. Il giovane, arrestato dalla polizia dopo essersi lanciato sulla folla, dovrà adesso rispondere di tentato omicidio. Secondo gli inquirenti che lo hanno preso in custodia, infatti, Kazuhiro ha investito i passanti “con l’intento di uccidere”, guidando l’auto in una strada che era stata chiusa al traffico veicolare in occasione dei festeggiamenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA