Rapporto Onu Afghanistan/ “2018 record civili uccisi in guerra‘: 1000 i bambini morti

- Niccolò Magnani

Afghanistan, rapporto Onu sulle vittime della guerra: record civili uccisi nel 2018, ben 1000 sono bambini. Le cifre e gli sviluppi sulla pace

Guerra Afghanistan
Militari Pakistan (LaPresse, 2019)

Spesso i rapporti Onu sono di “limitata utilità” visto che annunciano e denunciano casi di violenze, tragedia o soprusi troppi mesi o addirittura anni dopo i conflitti di cui trattano: in questo caso però il rapporto stilato dalla Missione di Assistenza dell’Onu in Afghanistan è quanto mai calzante alla vigilia del ritiro quasi totale delle truppe americane dal Paese (e anche dalla Siria), in seguito all’”accordo” raggiunto con i talebani per chiudere uno dei più lunghi e sanguinosi conflitti dai tempi del Vietnam. «L’anno scorso ben 10.993 civili sono morti o sono rimasti feriti in Afghanistan», è il bilancio più pesante e da record dal 2009. Insomma, erano dieci anni che da Kabul il peso delle vittime non era così ingente, specie quelle civili. Stando alle motivazioni che vi sarebbero dietro questo numero spropositato, secondo l’Onu, l’incremento del 2018 è dovuto «a un maggior numero di attacchi suicida da parte dell’Isis, ma anche a un aumento dei raid aerei della coalizione a guida Usa».

PIÙ DI 1000 BAMBINI MORTO NEL SOLO 2018

Purtroppo tra questi numeri “record” dei civili uccisi in Afghanistan, la cifra dei bambini è alquanto allucinante: 927 i bimbi morti, solo quelli ufficiali, ma il rischio è che siano molto più dei mille “registrati” nel rapporto UNAMA. Sempre dal report stilato dall’Onu, nell’intero complesso dello scorso anno le vittime civili sono state 3.804 ed i feriti sono stati 7.189, per un totale di 10.993 persone, il 5% in più rispetto al 2017. Se si allarga lo sguardo agli ultimi 10 anni di guerra in Afghanistan, si scopre che i civili morti sono 32mila e quelli feriti praticamente il doppio, 60mila, cifre inquietanti e in rapido aggiornamento. È intanto notizia degli ultimi giorni di un nuovo round di colloqui di pace tra Stati Uniti e Russia sull’Afghanistan: venerdì scorso ad Ankara si è tenuto un summit tra l’inviato di Putin – Zamir Kabulov – e il suo omologo americano, Zalmay Khalilzad. Per la prossima settimana intanto sono previsti anche nuovi colloqui con i talebani per provare a dirimere le ultime direttive uscire dal segreto incontro (sotto il profilo degli esiti, ndr) tra Russia e Usa.



© RIPRODUZIONE RISERVATA