Forza Italia, liste candidati Europee 2019/ Berlusconi, “torno in campo”

- Niccolò Magnani

Elezioni Europee 2019, i candidati e le liste di Forza Italia in tutte le 5 circoscrizioni nazionali: Silvio Berlusconi capolista in 4 sezioni su 5, esclusa Mara Carfagna

Silvio Berlusconi
Forza Italia, Silvio Berlusconi candidato alle Elezioni Europee (LaPresse, 2019)

Oggi la presentazione delle liste di Forza Italia per le elezioni Europee, con Silvio Berlusconi che si accinge ad affrontare quella che potrebbe essere la campagna politica più importante dal ’94 a questa parte. Il Cavaliere riuscirà a conquistare milioni di italiani come in passato o gli elettori decideranno di puntare su altri “cavalli”? Quel che è certo è che l’uomo di Arcore non ha perso il proprio piglio combattivo e oggi su Twitter ha ufficializzato la propria candidatura come capolista in tutte le circoscrizioni ad eccezione del Centro Italia (dove il numero uno di FI sarà Tajani):”Guiderò le liste di Forza Italia alle prossime elezioni. Torno in campo perché abbiamo un progetto ambizioso: riformare profondamente l’UE. Alle Europee 2019 vota Forza Italia e scrivi il mio nome sulla scheda. Sarà un segnale anche per chi è al governo qui in Italia”. (agg. di Dario D’Angelo)

LA PARTITA DI TAJANI

Silvio Berlusconi ci mette la faccia. Non si può dire che il Cavaliere manchi di coraggio: nel momento storicamente più complicato (secondo i sondaggi) dalla sua discesa in campo, il leader di Forza Italia ha deciso di correre anche alle prossime elezioni Europee. La soglia del 10% costituirà un crocevia decisivo non solo per il futuro del partito azzurro ma di tutto il centrodestra e Berlusconi per questo motivo sarà capolista in tutte le circoscrizioni fatta eccezione per quella del Centro Italia, dove il primo nome sarà quello del vice-presidente Tajani. Quest’ultimo, che nel Lazio in particolare ha il suo fortino, è chiamato ad una prova di forza che confermi il suo potenziale da “delfino” per respingere l’assalto di chi, dopo le elezioni Europee, è indiziato di voler chiedere a Berlusconi una completa riorganizzazione del partito. Riorganizzazione che, in caso di risultato negativo di FI, si tradurrebbe quasi sicuramente in un Congresso che vedrebbe tra le prime teste a cadere proprio quella di Tajani…(agg. di Dario D’angelo)

BERLUSCONI CAPOLISTA

Come la Lega e tutti gli altri partiti che partecipano alle prossime Elezioni Europee 2019, anche Forza Italia ha presentato nelle scorse ore le liste complete con tutte i candidati delle 5 circoscrizioni nazionali in vista dell’imminente voto del 26 maggio 2019. Silvio Berlusconi, come preannunciato, è stato inserito capolista in 4 sezioni su 5 per provare a puntare dritto ad un risultato migliore dei sondaggi previsti per gli azzurri (dati tra l’8% e il 12% su scala nazionale): oltre ai rapporti di forza ancora non chiari nel Centrodestra (diviso a queste Europee dopo esser stato unito in tutti gli ultimi successi nelle Elezioni Regionali del 2018-2019) diverse polemiche interne al partito sono scoppiate quando è giunta l’alleanza in extremis con gli altoatesini del SVP, storici alleati del Pd fino a qualche mese fa. Per questo motivo, ad esempio, l’eurodeputata Elisabetta Gardini si è dimessa da Forza Italia del tutto contrariata dalla linea “nuova” lanciata dal Presidente dell’Europarlamento Antonio Tajani, n.2 di Berlusconi e semi-plenipotenziario del partito dopo la riduzione degli impegni pubblici dell’ex Cavaliere.

FI, AMMESSI ED ESCLUSI

All’interno delle lunghe liste di candidati per le Europee, Forza Italia inserisce Tajani e Alessandra Mussolini (al Centro), Lara Comi, Giusy Versace al Nord Ovest, Barbara Matera e Lorenzo Cesa al Sud, ma anche Gianfranco Micciché e Saverio Romano nelle Isole per arrivare all’indipendente Irne Pivetti e Sandra Savino nel Nord Est. Il tutto, con Berlusconi capolista ovunque tranne nella circoscrizione Centro dove a dominare le liste dei candidati è l’attuale n.1 dell’Europarlamento. A destare sorpresa e diverse polemiche è la mancanza di Mara Carfagna: la “zarina” da sempre “mangiavoti” al sud Italia dopo una prima proposta di inserimento nelle liste proprio nella Circoscrizione Sud – e dopo la sua personale disponibilità ad essere candidata – è giunta la bocciatura nelle liste forse per evitare quello “scontro” interno con Tajani, visto sempre più spesso come “nemico” della vice presidente della Camera. «Quanto sta facendo Mara Carfagna rappresenta un golpe – spiega un big del partito, rimasto però anonimo, all’agenzia Ansa – un blitz per rottamare Silvio Berlusconi».

LE LISTE NELLE 5 CIRCOSCRIZIONI

Secondo fonti di stampa e in attesa della bollinatura ufficiale del Viminale con la chiusura delle liste per i candidati, Forza Italia alle prossime Elezioni Europee 2019 presenterà i seguenti nomi nelle 5 liste nazionali. Per la Circoscrizione Nord Occidentale Silvio Berlusconi, Lara Comi, Massimiliano Salini. Tra gli altri Giusy Versace, Pietro Tararella, Mauro Parolini, Amir Atrous; per la Circoscrizione Nord Orientale, i candidati di Forza Italia saranno Silvio Berlusconi, Sandra Savino, Irene Maria Pivetti, Roberta Toffanin, Valentina Castaldini, Emanuele Crosato, Cristina Folchini, Ilaria Giorgetti, Paola Girolami, Anna Leso, Mario Malossini, Giuseppe Papa, Alfredo Posteraro, Matteo Tosetto, Valerio Zoggia. Per quanto riguarda la Circoscrizione Centro, le liste pubblicate da Today.it prevedono Antonio Tajani, Alessandra Mussolini, Raffaella Buonsangue, Giovanni Paolo Bernini, Salvatore De Meo, Maria DiMasi, Alessandra Feduzi, Jacopo Maria Ferri, Salvatore Ladaga, Rita Pieri, Mario Razzanelli, Simone Rebichini, Anna Maria Costanza Rozzi, Olimpia Tarzia e Arianna Verucci. Per ila Circoscrizione Sud invece i nomi sono Silvio Berlusconi, Barbara Matera, Lorenzo Cesa, Fulvio Martusciello, Alessandra Mussolini, Aldo Patriciello, Giorgio Magliocca, presidente della Provincia di Caserta, e Molly Cusolo; da ultimo, la Circoscrizione Isole vede i candidati Silvio Berlusconi, Gabriella Giammanco, Salvatore Cicu, Gabriella Greco, Giuseppe Milazzo, Giorgia Iacolino, Saverio Romano e Dafne Musolino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA