Elezioni Usa 2020, Joe Biden si candida a Primarie Dem/ Contro Sanders (e Trump)

- Niccolò Magnani

Joe Biden si candida alle Primarie dei Democratici verso le Elezioni Presidenziali 2020: contro Sanders e O’Rourke, chi è l’anti-Trump?

Bernie Sanders vs Joe Biden
Primarie Dem, Bernie Sanders vs Joe Biden (LaPresse)
Pubblicità

Dopo Bernie Sanders, un altro ultrasettantenne si candida alle Primarie del Partito Democratico in vista delle Elezioni Presidenziali Usa che si terranno il 3 novembre 2020: si tratta di Joe Biden, nome arcinoto della galassia liberal americana essendo stato per i due mandati di Obama il suo vicepresidente alla Casa Bianca. «In ballo ci sono i valori che costituiscono l’anima democratica dell’America. All’epoca l’attuale presidente reagì a quella tragedia dicendo che c’erano persone per bene in entrambe gli schieramenti. Con quelle parole equiparò moralmente coloro che diffondono l’odio a quelli che hanno il coraggio di opporsi. In quel momento capii che il pericolo per la nazione era grave e diverso da qualunque altra cosa io abbia mai visto nella mia vita», attacca nel video di lancio della sua candidatura facendo riferimento alla strage di Charlottesville (marcia di neonazisti e suprematisti bianchi in Virginia, nel 2017 culminata con l’auto sui giovani anti-razzisti, uccidendo una giovane donna, Heather Heyer). Biden è il 20esimo candidato di queste affolatissime primarie tra i Dem, specie tra i nomi “noti” che intendono affrontare la quasi certa ri-elezione di Trump come candidato ufficiale dei Repubblicani. Cory Booker, Kamala Harris, Elizabeth Warren, Bernie Sanders, Kirsten Gillibrand, Beto O’Rourke e Pete Buttigieg ma probabilmente anche il sindaco di NY Bill De Blasio.

Pubblicità

ELEZIONI 2020, CHI SARÀ L’ANTI-TRUMP?

«Tutto ciò che ha reso l’America, America, è in gioco: l’anima stessa della nazione. Per questo annuncio la mia candidatura alla presidenza degli Stati Uniti», rilancia ancora Joe Biden ritenendo di poter interpretare quel messaggio “giusto” post-Obama e contro il “mostro Trump”, come viene visto dagli ambienti dem. Vuole recuperare i voti persi da Hillary Clinton nella campagna elettorale del 2016 e vuole soprattutto “rubare la scena” al collega anziano Bernie Sanders, il leader socialista interno ai Democratici. Alla mano, simpatico e non nuovo a diverse gaffe nel corso della sua vice presidenza, Biden dovrà però eliminare ogni possibile “accusa tendenziosa” lanciata da alcune donne nelle scorse settimane che lo bollarono come inappropriato e inopportuno. Non delle vere e proprie molestie ma un atteggiamento che non è piaciuto a diverse donne dell’entourage dell’ex senatore: Biden ha chiesto scusa ma dovrà convincere l’elettorato dem di essere il leader giusto in grado di poter prendere voti in maniera trasversale su tutto l’arco della popolazione Usa, MeToo e donne ovviamente comprese. Lui, O’Rourke, Sanders: il vero anti-Trump probabilmente si cela in questo trittico di nomi pronto a darsi battaglia nei prossimi mesi, con la vista alla Casa Bianca 2020, corsa più che mai imprevedibile e decisiva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità