TERREMOTO MESSICO M 5.4/ Forte scossa al Sud nella regione di Guerrero

- Dario D'Angelo

Violenta scossa di terremoto in Messico nella regione meridionale di Guerrero: magnitudo 5.4 sulla scala Richter. Non ci sono notizie danni o feriti.

terremoto messico 2019 emsc
Terremoto Messico (foto Emsc)

Un terremoto di magnitudo 5.4 sulla scala Richter si è verificato poco fa in Messico. L’area interessata dalla forte scossa è quella nella regione di Guerrero. Il Centro Sismologico Euro-Mediterraneo (EMSC) ha localizzato l’epicentro del terremoto, che ha avuto luogo alle ore 22:15 italiane, nel punto di coordinate geografiche corrispondenti a latitudine 16.48 e longitudine 98.33, con ipocentro individuato ad una profondità nel sottosuolo di 30 km. La città più popolosa dall’epicentro è Puebla de Zaragoza, distante 285 km, la più vicina in assoluta è risultata essere quella di Cuajinicuilapa, situata a 9 km di distanza. Per il momento non ci sono notizie di danni a cose e/o persone che potrebbero essere destinate a rincorrersi nei prossimi minuti in ragione della forte intensità del sisma.

TERREMOTO MESSICO M 5.4

Il Messico non è nuovo a scosse di terremoto, così quella di magnitudo 5.4 sulla scala Richter verificatasi quando in Italia erano da poco trascorse le ore 22 non può purtroppo destare particolari sorprese nella popolazione del posto. Per il momento l’unica testimonianza riguardante l’entità della scossa pubblicata sul sito dell’EMSC (Centro Sismologico Euro-Mediterraneo) è quella di un utente residente a 339 km dall’epicentro che ha scritto:”Sentito da pochi nel gruppo, confermato dal sistema di allarme telefonico personale. Alcuni di noi hanno avvertito gli altri. Gli studenti hanno preso le loro cose per un’eventuale partenza, ricordando il terremoto e l’evacuazione del settembre 2017, dov’erano rimasti senza soldi, cellulare o documenti e il rientro all’interno ha richiesto alcune ore”. Insomma una testimonianza significativa: se il terremoto è stato avvertito a quasi 400 km di distanza dall’epicentro è facile immaginare che nelle zone più vicine sia stato molto intenso…



© RIPRODUZIONE RISERVATA