Ubriaco alla guida di una carrozzina: multato/ Tasso alcolemico 5 volte superiore

Un uomo disabile è stato multato per avere guidato ubriaco una carrozzina

alcol 2018 pixabay
Immagini di repertorio da Pixabay

Essere ubriaco alla guida di un’automobile è purtroppo una prassi molto nota, ma esserlo mentre si guida una carrozzina decisamente meno. La vicenda ci giunge, fortunatamente, non dall’Italia ma dalla Germania, e precisamente da Plauen, nota città di circa 64mila abitanti situata in Sassonia, a pochi chilometri di distanza dal confine con la Repubblica Ceca. Succede che una pattuglia della polizia ha fermato l’uomo in questione mentre guidava la carrozzina elettrica in condizioni psichiche visibilmente alterate. Insospettiti, gli uomini della polizia hanno sottoposto il disabile ad un alcol test che ha rivelato come nel sangue dello stesso vi fosse un tasso alcolemico superiore di ben cinque volte a quanto consentito dalla legge. C’è da dire, come sottolinea l’edizione online de Il Fatto Quotidiano, che il malcapitato è stato davvero sfortunato: gli agenti erano infatti intervenuti a seguito di una segnalazione di un passante, che aveva visto il disabile rimanere bloccato con la sua carrozzina a seguito della batteria del mezzo scarica.

UBRIACO ALLA GUIDA DI UNA CARROZZINA: MULTATO

Una volta intervenuti gli agenti, hanno chiamato l’ambulanza per far riportare l’uomo a casa, ma un successivo controllo ha rivelato un tasso alcolemico pari a 2.5 g/litro, cinque volte il consentito che invece è di 0.5 g/litro. Per quanto riguarda l’Italia, il regolamento vigente non specifica nulla in merito alla guida in stato di ebbrezza di carrozzine elettriche e ausili medici, sottolineando comunque come in vigore vi siano le norme valevoli nel resto dell’Unione Europea. Di conseguenza è facilmente deducibile che qualora venisse scoperto un disabile alla guida di una carrozzina in stato di ebbrezza, questo verrà multato così come accaduto al tedesco di cui sopra. La speranza ovviamente e che cose di questo tipo non accadono mai sul nostro suolo, anche se non è da escludere siano già accadute e mai finite all’attenzione della stampa: forse, è meglio così.



© RIPRODUZIONE RISERVATA