Fabio Fazio/ “Ecco perchè mi hanno fatto fuori” e cita Borghi (Che tempo che fa)

Fabio Fazio, nuovo appuntamento con Che tempo che fa dopo l’attacco a Claudio Borghi: bufera social per le parole del leghista.

Fabio Fazio
Fabio Fazio a Che tempo che fa (LaPresse)

Nuovo appuntamento con Che tempo che fa, show condotto da Fabio Fazio in onda in prima serata su Rai 2. Dopo il cambio di rete, con l’addio a Rai 2 e lo sbarco sulla seconda rete della tv di Stato, il presentatore deve fare i conti con numeri non all’altezza per quanto concerne gli ascolti. Ma non solo: negli scorsi giorni è stato al centro di un dibattito social dopo un’intervista del leghista Claudio Borghi ai microfoni di Adnkronos. Fazio negli scorsi mesi ha avuto diversi botta e risposta con Matteo Salvini, ex ministro dell’Interno, con quest’ultimo che ha spesso denunciato il lauto stipendio percepito dall’ex conduttore del Festival di Sanremo. E in molti hanno ipotizzato che sia stato proprio il Carroccio a “fare fuori” Fazio da Rai 1. Uno scenario rilanciato dallo stesso 54enne sui social network…

FABIO FAZIO VS CLAUDIO BORGHI: “INAUDITO”

Claudio Borghi ha usato Fabio Fazio come metafora per parlare della possibile uscita dall’Euro dall’Italia ai microfoni di Adnkronos: «Non siamo riusciti a fare uscire Fazio dalla Rai, figuriamoci da soli a far uscire l’Italia dall’euro, tanto più ora che non siamo neanche al governo». Le parole del presidente della Commissione Bilancio alla Camera non sono passate inosservate al conduttore, che ha preso immediatamente posizione su Twitter: «Per chi volesse capire quel che mi è accaduto professionalmente, ecco la spiegazione. Inaudito!». Il post di Fazio ha raccolto migliaia di mi piace e di commenti nel giro di poche ore: tra le numerose condivisioni troviamo anche quella di Benedetta Rinaldi. La giornalista, infatti, è stata fatta fuori da Uno Mattina e sembra condividere il pensiero del conduttore di Che tempo che fa: anche lei nelle scorse settimane aveva denunciato di «essere stata messa in un angolo».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA