Fabio Panetta (BCE) “Fiscalità di vantaggio al Sud”/ Meno tasse per rilancio economia

- Alessandro Nidi

Fabio Panetta (BCE) suggerisce l’introduzione di misure fiscali vantaggiose per il Mezzogiorno della Penisola, che, a suo dire, ne rappresenta “la miniera non ancora sfruttata”

Panetta Fabio Lapresse1280
Fabio Panetta (Lapresse)
Pubblicità

Fabio Panetta, componente del comitato esecutivo della BCE, è intervenuto nell’ambito di un convegno organizzato da Rcs Academy nelle scorse ore, parlando di alcune macrotematiche di interesse nazionale ed europeo. La sua attenzione si è concentrata soprattutto sul Sud della Penisola italiana, dove “vi sono molti bisogni e molte potenzialità inespresse. Il Mezzogiorno è la miniera dell’Italia che non è stata ancora sfruttata. Ha capacità e potenzialità inespresse rilevantissime, ma ha bisogno di una spinta. È un motore che è inceppato da decenni”. Come si possono dunque oliare al meglio i suoi meccanismi e, parallelamente, riattivarlo? “Una proposta che ho avanzato in passato è quella di valutare per il Sud la possibilità di adottare una fiscalità di vantaggio, cioè la possibilità, nell’ambito della normativa sugli aiuti di Stato, di consentire ad alcune zone di avere per un periodo delle condizioni fiscali di vantaggio in funzione delle condizioni di sviluppo, di capacità di generare reddito e occupazione in quel territorio”.

Pubblicità

FABIO PANETTA: “RECOVERY FUND? OTTIMA PROPOSTA”

Fabio Panetta ha quindi spostato il dibattito sulla questione Recovery fund, definendo quella avanzata congiuntamente dalla Francia e dalla Germania “un’ottima proposta”. Stando alle impressioni del banchiere in merito a tale argomento, si tratta senza dubbio di “un notevole passo in avanti nella consapevolezza dell’esigenza di finanziare la ripresa. E denota consapevolezza che la ripresa sarà possibile se sarà armonica se riguarderà l’economia di tutta l’area dell’euro. Si è fatto un notevole passo in avanti, perché si è sbloccato un negoziato che è stato un po’ faticoso. Si è preso atto che vi è una forte esigenza di trasferimenti sotto varie forme”. La proposta franco-tedesca, a detta di Panetta, è solo una parte della reazione del Vecchio Continente, dal momento che la Commissione Europea nei prossimi giorni effettuerà le sue proposte, che saranno più ampie. Cosa comprenderanno? Il Recovery fund, il fondo per il rilancio e altre misure per finanziare investimenti in tecnologia, in campo ambientale e in vari settori economici.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità