False assicurazioni sanitarie per Coronavirus/ Polizia Postale “truffa online”

- Emanuela Longo

Nuova truffa online ai tempi del Coronavirus: false assicurazioni sanitarie con copertura da Covid19: l’appello della Polizia Postale

streaming pirata siti internet
Immagine di repertorio (Pixabay)

Le truffe online non si fermano neppure in piena emergenza Coronavirus ed anzi i cyber criminali hanno trovato nuova linfa proprio nei giorni di isolamento forzato di milioni di italiani. Oltre agli appelli di solidarietà ed alle indicazioni di comportamento da adottare da parte di sedicenti esperti che propongono fantomatici medicinali, arrivano anche falsi aggiornamenti delle assicurazioni sanitarie per la copertura da Covid-19. A mettere in guardia sulla nuova campagna di phishing in atto è la Polizia Postale, da sempre impegnata contro le frodi online ed i casi di cyber crimine che non si fermano neppure nel bel mezzo dell’emergenza sanitaria. La nuova truffa online che sta tentando di cavalcare l’onda della pandemia da Coronavirus ha a che fare con l’assicurazione sanitaria ma lo scopo è quello di sottrarre credenziali di login di Microsoft Office 365. Secondo il modus operandi illustrato dalla Polizia Postale, le vittime si fanno ingannare da una mail che propone l’aggiornamento della propria assicurazione sanitaria comprensiva della presunta nuova copertura per il Coronavirus. Tuttavia, cliccando sul pulsante che consente di completare il pagamento dell’importo previsto, le persone malcapitate vengono indirizzate a un sito di phishing.

FALSE ASSICURAZIONI SANITARIE PER CORONAVIRUS: LA NUOVA TRUFFA ONLINE

Come spesso accade in casi di truffe online, i cyber criminali hanno imitato una comunicazione del Direttore esecutivo di una Azienda relativa a nuovi piani assicurativi che prevede la copertura per il Coronavirus. Già cliccando sul pulsante che rimanda alla visualizzazione del documento informativo, le vittime sono state reindirizzate ad un sito malevolo. Di fronte al nuovo episodio di frode online, la Polizia Postale ha invitato gli utenti a diffidare da messaggi simili evitando di aprire gli allegati presenti nella mail ricevuta – chiaramente falsa – e segnalando tutto alla Polizia Postale anche tramite il sito ufficiale. Questo comparto della Polizia si sta impegnando a tenere gli utenti della rete costantemente aggiornati sulle false campagne che riguardano anche le fantomatiche raccolte fondi per l’emergenza in atto. Non mancano poi le mail di presunti esperti che invitano ad aprire allegati contenenti informazioni importanti su come difendersi dal virus. Anche in questo caso l’appello della Polizia Postale è quello di non credere assolutamente a simili messaggi e non aprire per alcun motivo gli allegati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA