Fausto Gresini, come sta?/ Le condizioni: “Importante insufficienza respiratoria”

- Claudio Franceschini

Fausto Gresini, come sta? Le condizioni di salute del Team Principal della MotoGp restano critiche: non è più in coma farmacologico ma resta sedato a causa della insufficienza respiratoria.

Fausto Gresini facebook 2020 640x300
Fausto Gresini è ancora ricoverato per Coronavirus (da Facebook)

FAUSTO GRESINI, COME STA? LE CONDIZIONI DI SALUTE

Come sta Fausto Gresini? Purtroppo non bene, anche se le sue condizioni di salute sono in graduale miglioramento. Un comunicato emesso dalla Gresini Racing, il team del Motomondiale che l’ex pilota ha fondato e conduce dal 2002 (nel campionato appena concluso vi hanno fatto parte Aleix Espargaro e Bradley Smith), ci dice del mantenimento “della ventilazione meccanica e una modesta sedazione, cose che consentono di far arrivare una sufficiente quantità di ossigeno nel sangue. Dunque, Gresini non è più in coma farmacologico: il dottor Cilloni ha parlato di una condizione caratterizzata da “una importante insufficienza respiratoria”, con la presenza ancora rilevata della polmonite insterstiziale. Il Team Principal è ancora sotto sedazione, per quanto più leggera il paziente si può considerare cosciente; ora bisognerà aspettare un eventuale miglioramento nelle prossime ore, o comunque la risposta di Gresini a queste cure.

IL RICOVERO DI GRESINI

Fausto Gresini, ricordiamo, è stato ricoverato lo scorso 30 dicembre: si trova nel reparto di Terapia Intensiva presso l’ospedale Maggiore Carlo Alberto Pizzardi di Bologna, dopo essere stato riscontrato positivo al Coronavirus. Purtroppo la sua è una situazione comune a tantissime persone in Italia e nel mondo, che hanno subito il Covid-19 in maniera particolarmente aggressiva; in carriera Gresini ha vinto due titoli mondiali nella categoria 125, guidando una Garelli, e appunto oggi è Team Principal della Gresini Racing. Anche nel mondo del lavoro e delle corse ha dovuto subire periodi bui: clamorosamente, erano alle sue dipendenze sia Daijiro Kato che Marco Simoncelli, entrambi morti in pista (a distanza di 8 anni e mezzo). Gresini ha avuto sotto contratto anche piloti come Marco Melandri e Andrea Iannone, Alvaro Bautista e Colin Edwards oltre ovviamente a Sete Gibernau, che per due anni consecutivi è stato secondo in classifica nella classe regina del Motomondiale sfiorando anche il titolo nel 2004, in un epico duello con Valentino Rossi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA