Federico Pietrucci, da “Amici” a “Tu sì que vales”/ Più forte grazie alla danza

- Ilaria Macchi

Federico Pietrucci ha partecipato ad “Amici 19” nel suo genere preferito, l’hip hop: grazie agli apprezzamenti ottenuti si era poi esibito alla finale di “Tu sì que vales”

Federico Pietrucci ad "Amici"
Federico Pietrucci ad "Amici"

Chi è Federico Pietrucci?

Partecipare a un talent show ormai da anni rappresenta l’occasione per sfruttare una propria passione e provare così a un’occasione per emergere nel mondo dello spettacolo. Questo è quello che fa da tempo “Amici“, che è stato un ottimo trampolino di lancio per chi ama la danza e il canto. L’esperienza vissuta da Federico Pietrucci è stata però particolare: Il ballerino, infatti, ha partecipato alla diciannovesima edizione del programma condotto da Maria De Filippi e si è guadagnato la possibilità di esibirsi nella finale di “Tu sì que vales” insieme alla cantante Nyv su decisione di tre giudici, Manuel Lo, Federico Leli e Francesca Bernabini.

Avere impressionato positivamente tre esperti come loro non può che essere per lui motivo di orgoglio, a conferma di come i tanti sacrifici fatti per migliorare siano stati ripagati. Pur essendo originario di Milano, infatti, lui non ha esitato a trasferirsi a Roma per migliorare la sua tecnica in quello che resta tuttora il suo genere preferito, l’hip hop.

Federico Pietrucci: la lunga lotta contro il bullismo

Nonostante sia riuscito a farsi conoscere dal pubblico per il suo talento, Federico non ha nascosto in occasione delle sue partecipazioni Tv di avere un passato difficile alle spalle. Da ragazzino, infatti, ha dovuto avere a che fare con compagni che avevano atteggiamenti davvero poco benevoli con lui, al punto tale da arrivare a praticare atti di bullismo nei suoi confronti. Questo lo ha fatto soffrire tantissimo, ma è stata proprio la sua innegabile passione per la danza a spingerlo a non abbattersi.

Il suo racconto ha commosso il pubblico della trasmissione condotto da Belen Rodriguez, che ha però voluto applaudirlo soprattutto per le sue doti. Lui, infatti, ha sempre ribadito di non voler suscitare pietà, ma di voler essere giudicato solo per le sue performance. E l’obiettivo evidentemente è stato pienamente raggiunto.







© RIPRODUZIONE RISERVATA