FEDERICO TEDESCHI, INFARTO O OMICIDIO?/ Video Iene, chat choc “torture e schiavi”

- Dario D'Angelo

Caso Federico Tedeschi: morte naturale o omicidio? La famiglia chiede la riapertura delle indagini: tra le anomalie alcune chat choc e una doppia vita

carabinieri 1 lapresse1280 640x300
Foto LaPresse

La procura di Roma ha archiviato il caso come infarto, ma la morte di Federico Tedeschi continua ad essere costellata da tutta una serie di dubbi che la Procura non avrebbe spazzato via per la famiglia del ragazzo. Dopo la sua morte la madre di Federico scopre che il figlio aveva una vita nascosta, come ha dichiarato a Le Iene: “Ho iniziato a leggere le sue chat che proseguivano nonostante la morte e fui colpita da una serie di messaggini tra cui ‘ehi’ oppure le mani giunte, e poi erano tutti profili maschili”. La donna ha quindi deciso di dare corda e viene a capire che quel suo interlocutore credeva di parlare con tale Valerio Nettiate, pseudonimo che Federico usava per frequentare chat omosessuali. La madre scopre quindi il profilo segreto di Federico e le numerose chat erotiche: “Scopro un mondo deviato”, dice. “E’ una cosa che mi ha lasciato sbigottita”, ha aggiunto, “in quel messanger leggo cose strane e forti, parlano di torture, urine addosso”.

Foto e video sul profilo segreto di Federico hanno a che fare con lo schiavismo. Tanto materiale porno e numeri telefonici. Spesso era lui a proporsi come schiavo. Ma anche tanti video di percosse, torture e strangolamenti. Ora la famiglia si domanda con chi Federico avrebbe avuto le sue ultime conversazioni ma è impossibile da scoprire perchè le chat nel telefono sarebbero state cancellate da un’amica. Lei si è difesa definendo il ragazzo “un pezzo di cuore”. In realtà quel telefono sarebbe passato di mano in mano ed oggi è ormai impossibile capire cosa sia successo. Una cosa è certa, qualcuno avrebbe commesso anche operazioni sul Facebook di Federico trasformando il profilo in commemorativo dopo la sua morte. CLICCA QUI per il servizio completo (Aggiornamento di Emanuela Longo)

Caso Federico Tedeschi a Le Iene

Le Iene si occupano del caso di Federico Tedeschi. Nella puntata di oggi è un servizio di Antonino Monteleone a concentrarsi sulla vicenda del ragazzo di 19 anni trovato morto a Roma, la mattina del 26 novembre 2017, nella sua camera da letto. Il primo medico intervenuto sul posto, un dottore del 118, ha dichiarato che la morte è stata riconducibile ad un sospetto ictus; questa tesi è stata confermata dalla Procura di Roma, secondo cui “il decesso è stato causato da necrosi cardiaca su base ischemica con conseguente infarto acuto“. I genitori di Federico si sono opposti all’archiviazione ma, al secondo consulto, il medico incaricato dalla Procura ha confermato la morte naturale per infarto del giovane e il procedimento è stato definitivamente archiviato. Una decisione che non trova d’accordo la famiglia di Federico, convinta che il giovane sia stato in realtà vittima di omicidio.

Federico Tedeschi, Le Iene: “Cancellate dal suo smartphone alcune telefonate”

La scorsa settimana sono emerse novità clamorose inerenti alcune situazioni nascoste della vita di Federico. Si tratta di elementi tali da far sorgere ulteriori dubbi rispetto all’ipotesi di una morte non naturale sostenuta dalla famiglia, scrivono Le Iene nelle anticipazioni del loro servizio. Sembra infatti che il ragazzo abbia aperto un profilo Facebook utilizzando uno pseudonimo e con esso abbia chattato con alcuni personaggi legati al mondo omosessuale sadomaso dei master&slaves (padroni e schiavi, ndr). Un mondo definito sia dalla madre del giovane che dal legale della famiglia come pericoloso, in particolare per le pratiche violente utilizzate al fine di provare piacere sessuale. Nel servizio di oggi Le Iene forniranno nuovi dettagli su queste chat e in particolare su una richiesta di appuntamento sul telefono di Federico, arrivata il giorno dopo la sua morte. Questa, però, non è l’unica anomalia: a detta della famiglia, infatti, un’amica avrebbe cancellato dal telefono di Federico Tedeschi alcune telefonate. Chi ha toccato il cellulare del giovane il giorno della morte? E soprattutto, perché? secondo quanto racconta la famiglia, un’amica avrebbe cancellato delle telefonate

© RIPRODUZIONE RISERVATA