Fedez vs Pillon/ “Mio figlio gioca con le bambole ma mi destabilizza più lei”

- Davide Giancristofaro Alberti

Fedez sta rubando la scena sui social in queste ore dopo le sue stories su Instagram nei confronti del senatore della Lega, Pillon: ecco cosa sta succedendo

Fedez
Il rapper Fedez

Fedez è in tendenza in queste ore su Twitter a seguito di alcune sue stories pubblicate su Instagram. Dopo Elodie, che nella giornata di ieri ha attaccato pesantemente la Lega, accusata di aver bloccato in parlamento la legge contro l’omotransfobia, oggi è il marito di Chiara Ferragni, recentemente papà per la seconda volta dopo la nascita di Vittoria, a prendere di mira il carroccio. Così come Elodie l’artista si è rivolto al senatore leghista Simone Pillon, fra i più grandi oppositori delle legge in favore dei diritti lgbtqi. “Il senatore Pillon – dice Fedez attraverso il suo profilo Instagram – dice che il ddl Zan non è una priorità. Ma se lei ha basato la sua intera carriera politica trattando solo ed esclusivamente questi temi. Lei è famoso per essere quello del Family day, e oggi si esclude così?”.

Quindi Fedez ha aggiunto: “Io ho un figlio di tre anni che gioca con le bambole. Questa cosa non desta alcun tipo di turbamento in me, e non desterebbe alcun tipo di turbamento in me nemmeno su un giorno dovesse avvertire l’esigenza di truccarsi, di mettersi il rossetto, di mettersi lo smalto o una gonna, perché mio figlio ha il diritto di esprimersi come meglio crede”.

FEDEZ: “LA LEGGE CONTRO L’OMOTRANSFOBIA E’ PRIORITA’”

Fedez si dice invece destabilizzato da altro: “La cosa che mi destabilizzerebbe un po’ è sapere che vive in uno Stato che non tutela il suo sacrosanto diritto di esprimersi in piena libertà, cercando di arginare le dinamiche discriminatorie e violente che molto spesso si verificano in questo Paese. Questo per me è una priorità”. Inutile sottolineare come le parole di Fedez siano state di fatto acclamate dal popolo della rete, con la quasi totalità che si è schierata dalla parte del cantante meneghino con commenti del tipo “Vi prego convincete fedez a candidarsi, fategli creare un partito io lo voterei volentieri. Nel mondo che vorrei ci sono più persone come i ferragnez( per mille motivi) e meno come altra gente che sta sui social”. C’è chi invece la mette sull’ironia, come ad esempio rispolverando le note battaglie fra Fedez e il Codacons: “il #codacons apre indagine sulle bambole del figlio di #fedez. Di quale materiale sono fatte? Da dove vengono?”. Infine un utente che scrive: “Dico solo una cosa: BOOOOOM #fedez”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA