Fedez vs Salvini/ “Chiamava Cucchi drogato, Morisi invece è un amico da aiutare”

- Carmine Massimo Balsamo

Tantissime reazioni social sul caso Morisi, Fedez mette nel mirino Matteo Salvini. Lapo Elkann: “Nessuno di noi è Maestro, siamo tutti peccatori”

fedez
Fedez (Foto: LaPresse)

Terremoto in casa Lega per il caso Morisi, Fedez mette nel mirino Matteo Salvini. Il noto artista ha criticato aspramente le parole del segretario federale della Lega attraverso i suoi canali social, paragonando l’ex ministro dell’Interno sostanzialmente a un pagliaccio: «Amici circensi, se vi avanza un naso rosso con l’elastichino da prestare a Salvini, contattatemi in privato».

Fedez ha ricordato alcune delle posizioni assunte da Salvini contro la droga nel corso degli anni: «Questa è la storia di un eroe contemporaneo, un uomo che ha sacrificato la sua intera vita a contrastare la piaga sociale delle droghe. Un uomo che andava in giro a citofonare a casa della gente dicendo “scusi, lei spaccia?” o che commentava la sentenza sulla morte di Cucchi dicendo “la droga fa male”. Oggi scopre di avere al suo fianco un drogato, che magicamente non diventa un drogato, uno scarto della società, ma un amico da aiutare a rialzarsi».

FEDEZ VS SALVINI, L’ANALISI DI LAPO ELKANN

Quella di Fedez non è l’unica reazione “vip” al caso Morisi. Su Twitter, infatti, Lapo Elkann ha voluto prendere posizione citando sempre il segretario del Carroccio: «Una volta Salvini per attaccarmi disse che facevo “dichiarazioni stupefacenti” e poi venni travolto sui social. Mi piacerebbe che oggi non accadesse a lui ed i suoi collaboratori lo stesso. L’odio genera odio. Nessuno di noi è Maestro, siamo tutti peccatori». Lapo Elkann ha poi aggiunto: «“Si ma loro…”. Non giustifica nulla. Ed i giornali che mettono la notizia come apertura sono pastori della discordia. E chi oggi grida vendetta non è diverso da chi disprezza. Esistono le leggi e poi esiste la pietà. Solo un cuore infelice si nutre dei problemi altrui». Attese le repliche di Salvini nel corso delle prossime ore…



© RIPRODUZIONE RISERVATA