“Figli Renzi con amici portati da scorta”: video fake/ Ira ex premier: “Ora denuncio”

- Carmine Massimo Balsamo

“Figli di Matteo Renzi giocano in giardino con gli amici portati dalla scorta”: video fake diventa virale, ex premier contro “violenza diffamatoria”.

figli matteo renzi video fake
Il video fake diffuso in rete
Pubblicità

I figli di Matteo Renzi involontari protagonisti di un video fake che ha fatto il giro dei social network. Nelle ultime ore sul web si è dibattuto molto sulla presunta violazione delle misure restrittive dei figli del leader di Italia Viva, “beccati” a giocare a pallavolo «con amici portati dalla scortati» al campetto di via Tacca, dietro la villa dell’ex presidente del Consiglio. Una palese violazione delle misure di contenimento disposte per l’emergenza coronavirus, senza considerare il mancato rispetto di distanze e precauzioni. Una sequenza di durata 90 secondi divenuta virale nel giro di pochi minuti, fino ad arrivare allo stesso Renzi, che ha denunciato l’ennesima «bufala» nei suoi confronti.

Pubblicità

“FIGLI RENZI GIOCANO CON AMICI PORTATI DA SCORTA”: VIDEO FAKE DIVENTA VIRALE

«Continua la violenza diffamatoria contro di me e contro la mia famiglia», l’esordio di Matteo Renzi in un lungo post pubblicato su Facebook, con l’ex premier che ha parlato di «follia totale»: «Il video è pieno di assurdità costruite ad arte violando non solo la privacy ma soprattutto il codice penale. Chi ha visto quel video sa che non sono gli amici di mio figlio ma siamo noi cinque, babbo mamma e figli. Una famiglia che ha la fortuna di avere un giardino e che sta insieme in giardino. Riprendere l’interno della proprietà altrui, in presenza di minori, raccontando il falso: ci diranno anche stavolta che è questione di trasparenza? O finalmente qualcuno inizierà a pagare per l’odio che diffonde?». E Renzi è pronto a denunciare: «Ho pagato un prezzo altissimo per le fakenews. Ma proprio per questo non accetterò che adesso provino a mettere in mezzo i miei figli. Chiederemo i danni in ogni sede, civile e penale».

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità