FILIERE/ Confagricoltura e Coop insieme per valorizzare agricoltori e allevatori

- Manuela Falchero

L’intesa, che riguarda i comparti pilota del pomodoro da industria e del suino, punta ad assicurare una giusta remunerazione agli attori coinvolti

maiale_senigallia
(Pixabay)

Mettere a punto un modello economico capace di considerare e remunerare in modo equo tutti gli attori della filiera, dal produttore al consumatore, con un approccio che garantisca la distribuzione del valore, la condivisione dei rischi e delle opportunità economiche, maggiore reciprocità, così come un giusto prezzo di vendita per il consumatore.

È questo l’obiettivo del protocollo di intesa siglato tra Confagricoltura e Coop Italia, che prende il via, per ora, su due filiere: quella del pomodoro da industria e quella del suino. “Si tratta di un progetto pilota per due aree produttive piuttosto complesse – si legge in una nota congiunta -, soggette a dinamiche di mercato che determinano oscillazioni di prezzo capaci di influire anche sul prodotto destinato al consumatore finale”.

Con l’intesa, che ha una durata biennale con possibilità di rinnovo, si intende puntare all’individuazione di possibili meccanismi per un’equa remunerazione e un prezzo condiviso che esuli dalle oscillazioni e in grado di rimanere inalterato, entro un tempo stabilito, rispetto alla variabilità a cui sono soggette le due filiere prese in considerazione.

Per raggiungere questo obiettivo viene messo in campo un gruppo di lavoro di alto livello, composto da due docenti universitari specialisti in materia – gli atenei coinvolti sono l’Università di Parma e Piacenza – e, per ciascuna delle due parti firmatarie, tre professionisti con esperienze nei settori tecnico-produttivo, legale, amministrativo e di mercato.

“Questo accordo – spiegano il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, e l’amministratrice delegata di Coop Italia, Maura Latini – è un segnale importante in un momento in cui si parla di pratiche sleali ed è sempre più evidente la necessità di avere meno frammentazione nelle filiere e un giusto equilibrio tra le parti dove al rispetto del valore delle fasi produttive si aggiunge una corretta valutazione delle necessità del consumatore finale”.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA