Filip Simaz, chi è?/ Gay Pride e ruolo di comparsa nel video di Baby K (Ciao Darwin)

- Morgan K. Barraco

Filip Simaz, Ciao Darwin: ha partecipato nella sfida tra Family Day e Gay Pride, ma anche fatto da comparsa in un video di Baby K.

concorrente filip simaz ciao darwin 8 640x300
Filip Simaz a Ciao Darwin 8

Tra i concorrenti più attesi di questa sera a Ciao Darwin 8 – Terre Desolate abbiamo Filip Simaz, il ballerino della squadra Gay Pride, diventato beniamino del pubblico per la partecipazione alla divertentissima prova della Macchina del tempo. Nella puntata riproposta in replica questa sera su Canale 5, quindi, rivedremo all’opera il concorrente dello schieramento Gay Pride; un concorrente simpatico e dal carattere fumantino, capace di conquistare il popolo social con la sua spontaneità. Sbirciando nella sua biografia si apprende non solo della partecipazione a Ciao Darwin 8, ma anche di collaborazioni importanti con artisti famosi. Filip Simaz, ad esempio, ha preso parte – come semplice comparsa – allo sviluppo di videoclip musicali per Baby K, Caparezza, Emma Marrone e Giusy Ferreri. Quella di questa sera a Ciao Darwin, quindi, non è l’unica apparizione televisiva per Filip Simaz. (Aggiornamento di Jacopo D’Antuono)

FILIP SIMAZ A CIAO DARWIN NELLA SQUADRA GAY PRIDE

Originario di Sofia ma residente a Bergamo, Filip Simaz è riuscito ad entrare nei cuori dei fan di Ciao Darwin 8 grazie alla sua apparizione nella puntata Family Day Vs Gay Pride. Il concorrente e ballerino/fotografo/coreografo ha fatto parte di quest’ultima squadra e se l’è dovuta vedere con Donna Ciretta Bella, altro personaggio trash che è piaciuto molto al pubblico da casa. I due sono stati chiamati infatti ad affrontare La prova del tempo, una delle sfide più famose del programma, ma qualcosa è andato storto. Durante il test infatti, entrambi i concorrenti si sono lasciati andare grazie agli hula hoop in dotazione, mettendosi subito in bella mostra e strappando diverse risate ai presenti e ai telespettatori. Purtroppo per Filip, in quella prima fase del gioco ha dovuto cedere la visibilità a Donna Ciretta, che si è sbizzarrita nel mostrare le sue abilità con l’attrezzo. Poi però è riuscito a ritornare al di sotto dei riflettori, soprattutto quando Paolo Bonolis ha deciso di intervenire di persona per fermarli. “Ho chiesto che secolo è il 1200“, ha sottolineato il conduttore inviperito, “se il 1900 è il XX secolo, il 1200 che cos’è?”. Una domanda a cui Simaz ha risposto con la sua simpatia: “Hai una calcolatrice?“. Subito dopo i due sono stati invitati ad affrontare lo step successivo della prova, ovvero gonfiare dei palloncini con una pompetta, da attivare grazie all’uso del lato B. Ancora una volta Filip è riuscito a mettersi in mostra: prima ha cercato di sedersi sulla peretta che faceva da supporto ai palloncini, poi si è lasciato andare con la pompetta, imitando un rapporto fisico piuttosto concitato. Clicca qui per guardare il video di Filip Simaz.

Filip Simaz, Ciao Darwin: il ballerino della squadra Gay Pride

Chi non ricorda Filip Simaz, il ballerino della squadra Gay Pride di Ciao Darwin 8? Oggi, sabato 28 marzo 2020, Canale 5 trasmetterà in replica proprio la puntata in cui è diventato protagonista e idolo degli amanti del trash. Di origine bulgara, Filip ha circa 25 anni e un’infanzia difficile alle spalle, sottolinea Novella 2000, visto che ha trascorso i suoi primi quattro anni di vita in un orfanotrofio. Poi è stato adottato da una famiglia della provincia di Bergamo ed ha iniziato a ballare a soli 7 anni, specializzandosi in danza urbana. In seguito alla sua apparizione nel programma di Paolo Bonolis, ha partecipato ai Darwin di Donatello ed è riuscito a classificarsi per ben due categorie: Mister Darwin e Miglior Look. Poi si è dedicato al canto, un’altra delle sue passioni ed ha pubblicato il singolo Stasera non si rientra. Filip però dà il meglio di sè su Instagram, dove in questi giorni ha pubblicato un breve video divertente. Nella clip, lo vediamo infatti con un unicorno bianco e rosa in peluche, a cui fa ripetere “Hello-lo bitches”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA