Filippo di Edimburgo, marito della Regina Elisabetta II/ Una vita tra gaffe e il gesto ai funerali di Lady D

- Fabio Belli

Filippo di Edimburgo. I funerali: addio al marito della Regina Elisabetta, morto a 99 anni dopo 73 anni di matrimonio con la monarca (Italia Sì).

principe filippo 2020 lapresse 640x300
Principe Filippo, Duca di Edimburgo (Foto: LaPresse)

L’Inghilterra oggi dirà addio al Principe Filippo di Edimburgo, marito della Regina Elisabetta II. Il funerale sarà trasmesso da Italia Sì sulla Rai, con i britannici che daranno l’ultimo saluto all’uomo che in 73 anni di matrimonio è sempre stato vicino alla Regina, senza mai offuscarne il carisma. Questo nonostante un carattere che spesso sfuggiva ai protocolli reali. Da molti vengono ricordate le numerose gaffe che il principe a volte ha offerto durante le visite in giro per il mondo o nelle occasioni ufficiali. Tra le più recenti e divertenti da ricordare, non si può dimenticare quando nel 2000 rispose: “Datemi una birra, non mi interessa quale, basta che sia birra!” al presidente del consiglio italiano Giuliano Amato che gli offrì i migliori vini italiani a una cena a Roma. E’ riuscito a dire “Sei troppo grasso per fare l’astronauta” a un bambino 13enne che gli aveva rivelato le sue aspirazioni e aveva definito “Uno spreco di spazio veramente grosso” la nuova Ambasciata britannica a Berlino che la Regina aveva inaugurato proprio all’alba del nuovo millennio. Probabilmente per questo però il Principe era entrato nei cuori dei britannici che spesso avevano definito troppo rigido il protocollo e il fare della Regina, che veniva messo in discussione dalle sue bizzarrie.

QUEL MOMENTO DI TENEREZZA AI FUNERALI DI LADY D

Il Principe Filippo dunque spesso amava creare questi piccoli cortocircuiti al protocollo reale, di cui era comunque un fervido assertore quando si trattava di parlare di sport, soprattutto quelli legati alla tradizione inglese. Quelli equestri in particolar modo, assisteva con piacere alle corse dei cavalli senza dimenticare di praticare l’equitazione e il polo, in più amava il cricket, per il quale si intratteneva in discussioni accese durante le visite in India. Più tiepida la passione per il calcio, nel 1966 lasciò volentieri come da protocollo alla Regina l’incombenza della premiazione della Nazionale inglese campione del mondo, senza dimenticare poi quello che era l’appuntamento annuale con la FA Cup. Ebbe una reazione ferma e composta nei giorni drammatici della morte di Lady Diana, per Filippo non mancarono le accuse di eccessiva freddezza che investirono tutta la famiglia reale, ma ultimamente è emerso un aneddoto di grande umanità: durante i funerali di Lady D, il principe Filippo ha aiutato il nipote William: il duca di Cambridge, sconvolto dalla morte della madre non voleva partecipare al corteo funebre, tanto da chiedere al nonno: “Se cammino dietro al carro funebre, tu sarai con me?”. E il principe acconsentì, mostrando grande tenerezza nei confronti del giovane nipote.



© RIPRODUZIONE RISERVATA