Film hard su maxischermo a Bologna/ Piazza Maggiore, bravata di un 24enne: multa e…

- Raffaele Graziano Flore

Film hard sul maxischermo a Bologna: bravata notturna di un 24enne in Piazza Maggiore durante una rassegna organizzata dalla Cineteca. Denunciato per “atti contrari alla decenza” e multato

Il film hard proiettato in Piazza Maggiore a Bologna
Il film hard proiettato in Piazza Maggiore a Bologna (YouTube, 2020)

Sul maxischermo della Cineteca installato in Piazza Maggiore a Bologna (nei pressi della Basilica di San Petronio), un “must” dell’estate felsinea per tutti gli amanti del cinema d’autore, è stato proiettato un film porno: a mettere in scena questa bravata a luci rosse questa notte è stato un 24enne che secondo quanto si apprende è stato denunciato per atti contrari alla pubblica decenza. Durante la rassegna “Sotto le stelle del cinema”, infatti, quello a cui gli spettatori presenti hanno assistito non era propriamente una delle pellicole proposte dalla Cineteca e a segnalare per prima l’accaduto, dopo aver assistito ad alcune scene, è stata un’anziana signora che attorno alle 2 di notte ha allertato una pattuglia dei Carabinieri che è prontamente intervenuta fermando la proiezione del film hard.

FILM HARD SUL MAXISCHERMO DI PIAZZA MAGGIORE: DENUNCIATO UN 24ENNE A BOLOGNA

Dalla ricostruzione dell’accaduto si è risaliti all’identità dell’autore del gesto, sorpreso dai militari dell’arma dopo la segnalazione della donna, pare in evidente “stato di agitazione”: dotato di un pc, infatti, il diretto interessato era in compagnia di alcuni amici tranquillamente seduti in fondo alla fila di sedie disposte in Piazza Maggiore per la proiezione notturna che rientrava nel programma della XXVI edizione della kermesse “Sotto le stelle del cinema”. I ragazzi stavano infatti assistendo sul portatile allo stesso film che era stato poco prima proiettato sul maxischermo: il responsabile dello scherzo, un 24enne, ha ammesso subito le proprie responsabilità e ora dovrà rispondere del reato di atti contrari alla pubblica decenza secondo quanto previsto dal Codice Penale in merito a quello che è il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, senza contare la multa salata comminatagli per questa proiezione clandestina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA