FINANZA E COVID/ Il “sospetto” vaccino russo: basta la notizia a far sognare le Borse

- Paolo Annoni

La notizia del vaccino russo contro il coronavirus diffusa ieri ha fatto bene ai mercati, compreso il listino italiano

Trader_borsa_esulta_lapresse
Lapresse

La notizia del primo vaccino efficace contro il “coronavirus” ha fatto bene ai mercati, incluso il derelitto listino italiano. Facciamo un passo indietro. Il coronavirus ha due caratteristiche “finanziarie”: la prima è che ha determinato il blocco totale di interi settori economico-sociali, il turismo in tutte le sue forme, la ristorazione, le attività didattiche ed educative tra gli altri. La seconda è che tutto questo è stato completamente inaspettato: nel giro di due settimane il mondo si è fermato senza che nessuno fosse preparato a parte qualche lodevole eccezione.

Oggi gli interrogativi si moltiplicano. Uno è quando finirà la prima ondata, un altro è se arriverà una seconda ondata e, soprattutto, quanto simili le conseguenze saranno sulla vita di tutti i giorni rispetto ai giorni peggiori del lockdown. Poi c’è un altro ampio campo di discussione su chi ha fatto meglio durante la pandemia: l’Italia o la Svezia? I numeri non danno grandissime certezze al lordo di impatti economici molto diversi.

Gli interrogativi sono gli stessi dei mercati perché qualsiasi scenario di ripresa a “V” o qualsiasi assunzione sulla rapidità della ripresa passa, preventivamente, da una valutazione sull’evoluzione del virus, sulla capacità degli Stati di affrontarlo o di conviverci con minore o maggiore impatto sull’economia.

Oggi la convinzione generale è che l’unica arma veramente finale contro la malattia sia il vaccino. Il mantra è più o meno questo: “Finché non avremo il vaccino non si potrà fare questo o quello”. In sostanza il vaccino, nella narrazione attuale, è l’unica cosa che ci permetterà di tornare a una vita “normale”. Crediamo che a nessuno sfugga il cambiamento della narrazione: tre mesi fa il tema era il numero di letti occupati in terapia intensiva, oggi i “contagiati” indipendentemente dal loro effetto sulle “grandezze” più rilevanti.

Il “vaccino russo” probabilmente è sospetto o non affidabile, ma la “notizia” vale comunque come segnale che “l’arma finale” non è particolarmente lontana e quindi i mercati possono cominciare a lavorare di fantasia sul ritorno alla normalità. Tutto, ovviamente, avviene nel pieno dell’azione delle banche centrali con una quantità mostruosa di asset a rendimento negativo. Gli scenari ottimistici o speranzosi sono in un certo senso obbligati per un investitore che seppur molto cauto di natura non voglia perdere il treno dei rialzi.

La scommessa quindi è che il vaccino sia effettivamente non troppo lontano, se non proprio dietro l’angolo, e che sia l’arma finale che ci hanno promesso. L’unica controindicazione è che lo spazio che si è aperto tra le aspettative dei mercati e la realtà economica si è allargato ulteriormente da livelli già piuttosto grandi. Speriamo quindi che il mantra del “dobbiamo aspettare il vaccino” sia stato ben riposto e che il vaccino russo o un suo equivalente occidentale sia, più o meno, dietro l’angolo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA