FINANZA & MERCATI/ La “finta notizia” sul rialzo dei tassi della Fed

- Paolo Annoni

La Fed ha deciso di tenere invariati i tassi di interesse. Difficile che li alzi davvero nel 2023. Intanto incombe lo spettro dell’inflazione

Powell Fed Banidera Lapresse1280 640x300
Jerome Powell (Lapresse)

La Fed ieri ha deciso, come largamente atteso, di tenere invariati i tassi di interesse. La “notizia” sarebbe l’aumento della probabilità di un rialzo dei tassi, per l’esattezza due, nel 2023 e quindi si comincerebbe a vedere un cambiamento in senso restrittivo della politica monetaria. Nella realtà dei fatti il 2023 per gli investitori è distante un paio di ere geologiche e quello che conta è che invece non ci saranno rialzi di tassi per tutto il 2022, che la Fed abbia detto che i rischi sulle prospettive economiche rimangono aggiungendo che l’incremento dell’inflazione riflette fattori “transitori”.

La Fed ha poi ricordato il mandato di massima occupazione e che, il mercato del lavoro, continuerà, insieme all’andamento dei prezzi, a essere considerato nelle scelte di politica economica. A proposito dei due rialzi previsti al 2023 ricordiamo che il 2024 è anno elettorale e che storicamente la Fed non è mai voluta entrare nell’agone politico congelando le condizioni monetarie all’anno precedente. In sostanza politica accomodante o quasi per i prossimi tre anni.

Nei fatti la decisione di ieri è quindi accomodante e infatti il principale indice azionario americano dopo un iniziale sbandamento si è ripreso. Nessun cambiamento in vista perché il mercato del lavoro americano è molto lontano dalla “massima occupazione” e milioni di americani aspettano ai margini raccogliendo nel frattempo sussidi record. È perfino inutile ridire che la Fed ha deciso di lasciare che l’inflazione corra ancora un po’ scommettendo che a un certo punto rallenti e che gli americani facciano buon viso a cattivo gioco mentre le attività riaprono e i disoccupati ritrovano il lavoro. Meglio ritrovare il lavoro e pagare un po’ più la spesa dell’alternativa.

Il problema è che lo schema e la scommessa reggono fino a un certo punto e cioè solo se i prezzi rimangono “gestibili” e se non scavano solchi troppo profondi nei risparmi e nelle spese mensili delle famiglie. Altrimenti i benefici delle riaperture vengono annullati; ciò è vero soprattutto per alcuni strati della popolazione: chi ha un lavoro e figli e chi è appena entrato nel mercato del lavoro.

C’è un secondo problema ormai evidente: le politiche della Fed alimentano i prezzi degli asset finanziari e in particolare di quelli immobiliari. Nelle città americane, anche quelle di terza o quarta fascia in zone afflitte da un calo della popolazione e delle imprese decennale, sono saliti di quasi il 20% rispetto all’anno scorso. E con i prezzi delle case sono saliti anche gli affitti. 

Esattamente come nel 2008 le politiche espansive allargano il divario tra classe meno abbienti e ricchi che essendo investiti in azioni o immobili possono controbilanciare. Solo che questa volta i perdenti includono una fetta maggiore di classe media e il fenomeno ha già una dimensione senza precedenti. Uno degli effetti più evidenti è il crollo della natalità perché le prospettive sono incerte mentre l’incremento del costo della vita è incertissimo e la casa irraggiungibile. I sussidi leniscono il problema e comprano consenso, ma l’incremento dei prezzi, soprattutto se dovesse accelerare, li fa invecchiare rapidamente e di certo non è una fonte di reddito su cui si può “costruire”.

Aggiungiamo al cocktail la ristrutturazione delle catene di fornitura globale, le guerre commerciali e la transizione energetica che toglie dal mercato energia economica e affidabile. 

Dopo ieri tutto continuerà come prima nei prossimi mesi. Il gioco dura, anche politicamente, solo entro certi limiti. A un certo punto, in sostanza, gli svantaggi rischiano di superare i benefici e tornare indietro sarebbe complicato perché far scendere i prezzi è molto più difficile e richiede molto più lavoro, anche in termini di nuova capacità, che farli salire. Se la Fed sbaglia le conseguenze economiche sarebbero serie e quelle politiche imprevedibili. Basti pensare che per molto meno ha fatto la sua comparsa un outsider come Trump.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA