Flora Canto piange a Vieni da me/ Sorpresa di Enrico Brignano: “Sei amore, famiglia”

- Anna Montesano

Flora Canto ospite a Vieni da me. Enrico Brignano le fa una sorpresa e le scrive un biglietto che la lascia in lacrime. Poi si parla di matrimonio…

flora canto vieni da me
Flora Canto a Vieni da me

Flora Canto è la protagonista di una simpatica quanto commovente intervista a Vieni Da Me. Il primo argomento che si tocca è proprio quello dell’amore e del rapporto con Enrico Brignano. La Canto racconta di come lui l’abbia corteggiata: “Enrico viene da una famiglia di fruttivendoli di Dragona. Lui è cresciuto vicino Roma, Ostia. Io sono un’amante della frutta e quando lui lo ha capito ha iniziato a corteggiarmi in questo modo. E una volta mi portava con una cassetta di fichi, una volta con i mandarini…” Ma dove è avvenuto il primo incontro? “Noi ci siamo conosciuti in teatro perché lui stava facendo i provini per attrici e coriste. Un amico in comune mi chiese di fare il provino per Brignano e lo feci. – tuttavia ammette – Lui mi metteva soggezione, andai anche al provino con una fotocopia anche tutta accartocciata della mia foto perché ero sotto trasloco e avevo tutto negli scatoloni. Lui mi ha preso poi.”

Enrico Brignano, sorpresa a Flora Canto a Vieni da me

Il lavoro a teatro fa sbocciare tra Enrico Brignano e Flora Canto l’amore: “Noi avevamo una grandissima complicità, quando provavamo stavamo con le lacrime. – racconta la Canto a Vieni da me – Diciamo che lì non ero amatissima, alle altre non ero molto simpatica per questo.” Ma ecco che in studio arriva per Flora una sorpresa: proprio una cassetta di frutta. Tra i mandarini spunta un biglietto che fa piangere la comica. Le parole sono quelle di Brignano: “Amore, ho voluto mandare un pensiero per te. Mi hanno detto, che frutta? Perché? Lo sai per me la frutta è casa, famiglia e amore, proprio come te. Enrico”. Non manca la fatidica domanda: e le nozze? Flora ammette: “Io sono all’antica, io aspetto, aspetto, aspetto… è l’uomo che deve fare la richiesta, io sono proprio all’antica.”



© RIPRODUZIONE RISERVATA