Fondi Lega, Fontana contro giornalista/ Video “Lei ha atti inchiesta? Commesso reato”

- Davide Giancristofaro Alberti

Indagini fondi Lega, Fontana contro il giornalista: “Lei ha atti inchiesta? Commesso reato”. Il governatore ha inoltre difeso Ferrovienord

Regione Lombardia, Fontana
Attilio Fontana, Presidente Regione Lombardia (LaPresse, 2020)

Attilio Fontana ha parlato quest’oggi in conferenza stampa dalla Regione Lombardia, e nell’occasione ha avuto un mezzo battibecco con un giornalista. Si parla della vicenda legata alla Lombardia Film Commission, inchiesta del 2017 che vedrebbe coinvolti, ma il condizionale è fortemente d’obbligo, anche alcuni ex esponenti della Lega (il partito di Fontana): “Leggere di indagini fondate sul nulla, sulle gole profonde – dice il presidente lombardo, come riporta Il Fatto Quotidiano – mi lascia abbastanza indifferente. Quando avrò letto gli atti farò valutazioni, ma non sulle chiacchiere”. Poi Fontana ha aggiunto: “È molto curioso che una persona debba fare valutazioni inchieste senza leggere atti giudiziari. Atti che dovrebbe ero essere coperti da segreto istruttorio”, per poi rivolgersi al giornalista: “Lei ha gli atti? È molto grave questa cosa, lei ammette che è stato commesso un reato. Mi auguro che qualcuno avvisi la Procura”.

FONDI LEGA, FONTANA VS GIORNALISTA, E SU FERROVIENORD…

Un Fontana decisamente frizzante quello di oggi, e che si è “scaldato” anche nei confronti del Movimento 5 Stelle, che punta ad un cambio di gestione delle ferrovie lombarde, attualmente sotto il controllo di Ferrovienord. Il governatore lombardo ha definito tali notizie “inquitetanti”, e che “dimostrano come sia in corso un qualche attacco nei confronti di Regione Lombardia”. Fontana ha aggiunto che “sinceramente, revocare una concessione che avrebbe la scadenza nel 2060, per la quale sono previsti centinaia di milioni di investimenti, senza una ragione valida, è qualcosa che lascia molto perplessi, anche perché non bisogna dimenticare che è una concessione rilasciata a una società quotata in borsa. E’ chiaro che dover togliere da una società un asset così importante rischia di avere delle ripercussioni non di poco conto sul mercato”. L’emendamento presentato dai grillini prevede che Rfi subentri a Ferrovienord, soluzione che lo stesso Fontana ha definito “assolutamente inaccettabile”, alla luce anche del fatto che l’attuale gestore ferroviario ha “un piano di investimento molto importante”. Clicca qui per il video di Fontana

© RIPRODUZIONE RISERVATA