FOOD & BEVERAGE/ Pubblicità in crescita grazie a Calcio e Olimpiadi

- Manuela Falchero

Nei primi otto mesi del 2021 Nielsen certifica incrementi a due cifre negli investimenti del food&beverage rispetto allo stesso periodo del 2020

spesa scaffali supermercato pixabay1280 640x300
Foto di Igor Ovsyannykov da Pixabay

Sarà perché nell’aria si respira un primo vento di ripresa, come certifica la previsione di crescita del Pil al 6% per il 2021. Sarà perché le restrizioni imposte dal Covid hanno, gioco forza, allungato i tempi di permanenza tra le mura domestiche, facendoci riscoprire il piacere della cucina casalinga. Fatto sta che le aziende del settore alimentare e quelle del comparto degli alcolici e delle bevande fanno registrare un robusto ritorno all’utilizzo della leva pubblicitaria. I dati di Nielsen relativi ai primi 8 mesi dell’anno certificano per il Food una crescita del 13,9% rispetto allo stesso periodo del 2020, che arriva quasi a duplicare (+24,9%) nel caso del Beverage.

Attenzione, però, a ben interpretare il dato. “L’andamento positivo del 2021 – afferma Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen – per questi due settori, come del resto per tutto il mercato, è falsato dal confronto con il periodo critico passato nel 2020. Food & Beverage sono insomma in crescita, ma non hanno ancora recuperato quanto perso nel 2020, anno in cui gli Alimentari hanno ceduto il 5,8% e le Bevande/Alcoolici hanno lasciato sul terreno il 3,2% rispetto al 2019, ultimo anno pre-Covid”.

E non solo. Va infatti detto anche che su questa ripresa ha certamente giocato l’influenza di due eventi sportivi di portata internazionale come i Campionati Europei di Calcio e i Giochi Olimpici che tradizionalmente rappresentano un boost per la spesa in pubblicità.

I prossimi mesi quindi costituiranno un banco di prova significativo per capire quale sarà la direzione che prenderà il mercato in generale e la food industry in particolare in tema di advertising. Le premesse comunque lasciano intravedere buone prospettive: “Possiamo prevedere che la crescita incassata finora possa considerarsi consolidata e che nel 2022 i due settori continueranno nel loro sentiero di crescita recuperando il gap con il 2019”, conclude Dal Sasso.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA