FRANCA LEOSINI/ La dedica in musica di Cocciante: “Colonna sonora della mia infanzia”

- Elisa Porcelluzzi

Franca Leosini a Canzone segreta. Nell’ultima puntata del programma rivediamo la sorpresa di Cocciante destinata proprio alla nota giornalista.

franca leosini canzone segreta 640x300
Franca Leosini, Canzone Segreta

È Franca Leosini, personaggio amatissimo dal pubblico Rai, una delle ospiti di questa puntata di Canzone segreta, con Serena Rossi che ripropone le sorprese più riuscite ai protagonisti delle scorse settimane. La sua canzone segreta s’intitola Que reste-t-il de nos amours, un brano dolcissimo che Franca ascolta in silenzio senza scomporsi più di tanto. In effetti, la Leosini non perde mai l’eleganza stilistica che la contraddistingue, e la stessa scelta della canzone denota la sua semplicità e al tempo stesso la sua grande classe. A cantare per lui c’è un mezzo francese, Riccardo Cocciante, grandissimo cantautore che la interpreta in maniera sublime. “Mia madre era fissata con questa canzone. È stata la colonna sonora della mia infanzia”. (agg. di Rossella Pastore)

Canzone segreta: Franca Leosini ospite di Serena Rossi

Questa sera, martedì 20 aprile, su Rai 1 va in onda l’ultimo appuntamento con “Canzone segreta”. Nel finale di stagione verranno riproposte le sorprese musicali più riuscite della prima stagione tra cui quella a Franca Leosini, la giornalista che lo scorso 16 marzo ha compiuto 87 anni. La conduttrice di “Storie maledette” era stat ospite della prima puntata dello show condotto da Serena Rossi. La Leosini, seduta sull’iconica poltrona bianca, ha ascoltato le parole della figlia Ilaria che le chiedeva il titolo della canzone francese che canticchiava sempre sua nonna. Poco dopo sul palco è apparso Riccardo Cocciante a intonare per lei “Que reste-t-il de nos amours?”, il brano che ha segnato la sua infanzia. La giornalista non è riuscita a trattenere la commozione. La canzone segreta della giornalista è stata rivelata dall’amico Massimo, anche lui nella sorpresa, che ha raccontato di una serata durante la quale vide la Leosini sognante ascoltare la canzone di Charles Trenet. “Sono commossa, sono anche stupita, come avete fatto? Grazie, grazie davvero, vorrei abbracciarvi. La canzone che fa parte della mia infanzia, mia madre era fissata con questa canzone, che non ha tempo. Lo dico per chi ci segue, che io non sapevo nulla. Neanche mia figlia mi ha detto niente. Vi ringrazio”, ha detto la Leosini.

Franca Leosini e il successo di “Storie maledette”

In una recente intervista a Di Lei Franca Leosini ha parlato del suo celebre programma “Storie maledette”, in onda dal 1994: “Storie Maledette non va mai in vacanza. È un lavoro costante che richiede una concentrazione particolare, nel quale il faccia a faccia è solo la punta dell’iceberg”, ha spiegato la giornalista con 98 puntate all’attivo del suo programma. La giornalista ha avuto modo di intervistare alcuni protagonisti dei gialli più noti dell’ultimo periodo: da Avetrana, a Erba, da Cogne all’omicidio di Melania Rea. Sulla coppia Olindo e Rosa, autrice della strage di Erba del 2006, ha detto sulle pagine de Il fatto quotidiano: “Trovo inaccettabile che qualcuno continui a gettare manate di fango sulla famiglia delle vittime ipotizzando assurdamente che, per questioni economiche, siano altri gli autori della strage”. Su Amanda Konox ha commentato: “Sono d’ accordo sull’ assoluzione: non c’ erano prove per condannarla. E nemmeno la certezza della sua eventuale responsabilità. Si condanna al di là di ogni ragionevole dubbio”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA