FRANCESCO ACQUAROLI, CHI È/ Candidato del centrodestra (Elezioni Regionali Marche)

- Dario D'Angelo

Francesco Acquaroli, chi è il candidato del centrodestra alle elezioni Regionali Marche 2020: storia politica, programma, liste a sostegno e…

francesco acquaroli 2020 facebook 640x300
Francesco Acquaroli, foto da Facebook

Francesco Acquaroli è il candidato governatore del centrodestra per la Regionali Marche 2020, in quota Fratelli di Italia. Classe 1974, Acquaroli nasce a Macerata e sin da giovane si denota la sua passione per la politica, in particolare per quella locale. Si candida come consigliere comunale per la sua città, Potenza Picena, e viene eletto. Nel 2009 tenta di fare il salto in alto con la candidatura a sindaco della città ma viene battuto dallo sfidante di centrosinistra. Dopo un anno si candida a consigliere regionale con il Popolo della Libertà (Pdl) e viene eletto. Dopo poco tempo lascia il partito per aderire al partito Fratelli di Italia di Giorgia Meloni. Nel 2014 ritenta la corsa al municipio di Potenza Picena e, appoggiato da altre due liste civiche, questa volta viene eletto con il 57,3% di preferenze al secondo turno. Dopo essere diventato sindaco della cittadina, abbandona la carica di consigliere regionale causa incompatibilità. Nel 2015 tenta la scalata alla Regione in qualità di Presidente ma viene sconfitto. Nel 2018 si candida alle Politiche risultando eletto deputato: non ha la stessa fortuna nelle consultazioni Europee del 2019.

FRANCESCO ACQUAROLI: LE LISTE A SUO SOSTEGNO

La candidatura di Francesco Acquaroli, attuale deputato di Fratelli di Italia, è sostenuta in primis dal suo partito, ma può contare sul sostegno di tutti gli altri partiti di centrodestra, da Lega-Salvini a Forza Italia fino all’UDC- Popolari Marche, nonché sulle liste Civici e Movimento per le Marche, Partito Repubblicano Italiano. Quella incarnata da Acquaroli rappresenta una sfida importante per l’intera coalizione: la speranza del candidato è quella di ripetere a livello regionale l’impresa realizzata nella sua Potenza Picena, quando ad una prima cocente sconfitta seguì una rivincita alcuni anni dopo. Un successo nelle Marche consentirebbe al centrodestra nazionale di mettere un tassello importante per una vittoria schiacciante in questa tornata elettorale, tale da prefigurare addirittura una “spallata” al governo di Palazzo Chigi.

FRANCESCO ACQUAROLI: PROGRAMMA E CURIOSITA’

Il programma di Francesco Acquaroli è sintetizzato in 10 punti programmatici: ispirandosi ai punti dell’Agenda 2030 dell’Unione Europa, per il candidato di Fratelli d’Italia è necessario costruire il futuro della Regione Marche grazie ad un piano di rilancio che coordini tutto ciò che ruota attorno alla Comunità con l’intenzione di creare del benessere. E’ poi importante dare alla Regione una nuova immagine, sia a livello nazione ed europeo ma anche internazionale, in modo tale da avere un maggior potere contrattuale in sede di trattativa. Lavorare in sinergia con istituzioni, associazioni di categorie, università ed altri, per valorizzare tutte le risorse presenti sul territorio regionale rappresenta una necessità inderogabile, così come applicare un metro di giudizio basato sulla meritocrazia anziché sull’appartenenza politica. Nessuno deve restare indietro: aiuti a famiglie ed imprese per superare la crisi e le sfide del futuro. Previsti anche investimenti e servizi a tutti i livelli ed enti territoriali. Acquaroli afferma inoltre la necessità di offrire ogni servizio efficiente, a partire dalla sanità per arrivare ai trasporti. Nel suo programma trova spazio anche il contrasto allo spopolamento delle aree interne Marchigiane mediante una ricostruzione dei vari paesi in stato di abbandono. Importante anche investire su innovazione digitale, lavoro, sanità e infrastrutture, sfruttando anche i finanziamenti europei ed il Recovery Fund. Tra gli aspetti controversi relativi alla figura di Acquaroli quanto accaduto nell’ottobre 2019, quando il candidato partecipò ad una cena di commemorazione per la Marcia su Roma, creando numerose polemiche. Acquaroli si difese sostenendo che non era a conoscenza che quella cena fosse stata organizzata con quell’intento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA