Francesco stalker di Giovanna?/ “A ogni donna uccisa penso ‘capiterà a me’” (Le Iene)

- Melania Cacace

Le Iene, servizio di Nina Palmieri “Nascita di un social stalker?” La storia di Giovanna e Francesco Negri, tra giudici, avvocati e minacce…

74527193 540656180100795 669267298988589056 n
Pubblicità

Le Iene, con il servizio di Nina Palmieri, presentano la storia di Giovanna e Francesco Negri. Secondo quanto ricostruito nel servizio delle Iene e raccontato da Giovanna, i due si sono conosciuti circa 10 anni fa. Lei era già reduce di una relazione che non aveva funzionato, ma che aveva dato a Giovanna una bellissima bambina. Si sono conosciuti nel negozio in cui lavorava Giovanna. I primi campanelli d’allarme arrivano come un fulmine a ciel sereno, ma la ragazza li ignorava: “Ma che fai mi lasci da solo, allora non mi ami?”. Lui ha pian piano cominciato a imporre le sue regole su molte cose, perfino sui capelli, sulle sue unghie, su tutto il suo aspetto fisico, afferma Giovanna ai microfoni de Le Iene. Aveva il controllo di tutte le sue password e controllava tutti i suoi accessi sui social network. Nel 2014 Giovanna scopre di essere incinta e lui, quasi come un’arma, scaglia contro di lei la sua gravidanza: “Ora sei mia per sempre”. Quello che sembrava un principe azzurro, pian piano comincia a diventare il mostro, coronando la loro relazione di insulti e violenze. La ragazza ha insistito, sperando di poter avere quella famiglia perfetta che aveva tanto sognato. Prendono casa insieme e dopo poco tempo lui rivela il peggio di sé. Giovanna racconta che Francesco, dopo qualche giorno di convivenza acquista perfino una mazza da baseball, minacciando sia lei che il suo ex marito, nel caso si fosse presentato. La figlia maggiore – avuta dal precedente matrimonio – percepiva l’aria presente in casa, rappresentando il suo disagio in molti disegni, in cui ritraeva il suo patrigno come un vero e proprio mostro, arrivando a raffigurarlo con un coltello in mano. Ma la storia sembra tutt’altro, vista da fuori: lui era una persona rispettata, mentre lei una separata, quindi nessuno le credeva. Eppure ecco cosa accadeva in casa Negri, secondo quanto raccontato da Giovanna a Le Iene: “Tu non sei nessuno”, ”Ti sfondo”, intervallati da “Ti amo” “scusami” “Tu sei la mia famiglia”. E Giovanna ci ricascava ogni volta.

Pubblicità

Francesco e Giovanna: tra giudici e minacce

La ricostruzione del Le Iene prosegue in questo modo: la giovane donna a un certo punto prende la situazione in mano, si rifugia da sua mamma, portando con sé le sue piccole, da qui comincia una vera e propria persecuzione. Si fa trovare spesso davanti scuola di Martina, la figlia di lei, anche di notte non c’è pace. La rabbia di Francesco è così grande, che rivolgendosi all’ex marito di lei comincia delle vere e proprie minacce omicide “Gli sparo in bocca”. Anche i social network diventano un’arma contro Giovanna. Arrivano in tribunale, il giudice predispone un consulto psicologico. Il resoconto della psicologa su Negri, non è per niente positivo. Negri viene rinviato a giudizio per minacce e stalking. Comincia la sua campagna su Facebook, in cui si scaglia contro i giudici, l’avvocato di Giovanna e, inevitabilmente, contro la stessa “Non è degna di essere chiamata mamma”. Una settimana fa si è raggiunto il culmine, lui ha postato un video che lo ritraeva con una maglietta davvero singolare, con su scritto “Non posso uscire con te, il mio papà, il giudice ha detto no”. Insomma, secondo Francesco la vittima è lui, una vittima del sistema, e della sua donna che vuole allontanarlo dalla sua stessa figlia, ma dove sarà la verità?

Pubblicità

Nina e il suo incontro con Francesco

Nina Palmieri vuole vederci chiaro sulla questione, finora avendo sentito solo una delle due parti, e riesce a trovare Francesco. Fin da subito la Iena cerca, con difficoltà, di farlo ragionare, facendogli presente la pesantezza delle sue accuse “Se io devo andare contro un sistema, io mi faccio anche 30 anni”. Ma Francesco si difende, affermando che le sue minacce non sono riferite alla ex, ma semplicemente al sistema giudiziario. Nina insiste, cercando di far leva su sua figlia: “Il tuo linguaggio rimane sulla rete, e purtroppo arriverà anche a tua figlia, tu che messaggio vuoi lasciare a tua figlia?” Continua a chiedergli di togliere quei video, quelle affermazioni pesanti sui social, quelle minacce onnipresenti e senza tempo. Lui continua a giustificarsi “Io non sono un delinquente”. Si difende, dicendo che tutto ciò che pubblica su Facebook va contestualizzato, che non è come sembra, che lei non è in pericolo. Nina cerca di fargli comprendere che la sua ex compagna è molto spaventata, e che dovrebbe rispettarla anche in nome del loro ruolo genitoriale. Francesco, completamente sordo alle parole della Iena, continua ad essere della idea, e probabilmente continuerà ad esporla, senza paura, su tutti i social.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità