FRANCESCO TOTTI/ “Maradona è come se non fosse morto, lui è eterno” (Verissimo)

- Jacopo D'Antuono

Francesco Totti ospite a Verissimo questo pomeriggio, sabato 27 novembre, a tu per tu con Silvia Toffanin per un’intervista a tutto tondo. Dalla dolorosa perdita del padre alla scomparsa..

Francesco Totti a Celebrity Hunted

A Verissimo è il momento di Francesco Totti in collegamento da casa. L’ex numero 10 della Roma ha partecipato al rotocalco televisivo di Silvia Toffanin per ricordare Diego Armando Maradona. Prima però Totti rivela come sta dopo aver superato il Covid-19: “abbiamo passato dei giorni non bellissimi, ma adesso è passato tutto. Siamo tornati alla normalità”. Poi il lungo ed accorato ricordo verso l’amico e collega: “Maradona è stata una persona straordinaria, avevo un bellissimo rapporto con lui, ma nel rettangolo di gioco lui è il calcio, il pallone. Quello che faceva lui nessun altro giocatore al mondo possa riuscire a fare cose inmpesanbili. E’ bello vederlo, sentirlo, è come se non fosse morto. Lui è una persona che rimarrà in eterno, era diverso da tutti gli altri”. Non solo, Francesco Totti ricorda anche l’ultima volta che l’ha sentito: “è stato due mesi fa. Lui era in Argentina ad allenare” e poi condivide con la Toffanin un retroscena – “il giorno dopo che ho smesso con il calcio è stato il primo ex giocatore a chiamarmi e darmi un piccolo sostegno”. La Toffanin poi domanda: “se dovesse essere organizzata una partita in suo onore participeresti”, ma Totti non ci pensa un attimo: “ci sarò, parteciperò, accetterò subito la convocazione”. Sul finale si parla di Natale: “non è un Natale come tutti gli altri, spero di passarlo in famiglia e di vivere come ho sempre fatto. Per me non sarà uguale, poco tempo fa ho perso mio padre, sarà un Natale diverso, ma quando hai una famiglia unita cerchi di andare sopra a queste cose brutte che purtroppo nella vita capitano. Speriamo che questo vaccino ci possa far tornare alla vita quotidiana, ci siamo stufati di essere rinchiusi”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

Francesco Totti: “Senza mio padre sarà un Natale diverso”

Francesco Totti ospite a Verissimo questo pomeriggio, sabato 28 novembre, a tu per tu con Silvia Toffanin per un’intervista a tutto tondo. Dalla dolorosa perdita del padre alla scomparsa di Diego Armando Maradona, gli argomenti sul piatto sono davvero tanti. E’ stato un anno non particolarmente felice per il pupone, che ha dovuto fare i conti con problemi di salute, tra cui la positività al Covid. Sul campione argentino Francesco Totti parla di emozioni irripetibili, sottolineando il talento leggendario di un calciatore più unico che raro. “Diego è ancora qui con noi. Le emozioni che ci ha lasciato sono irripetibili. Avevamo un bellissimo rapporto, fuori dal terreno di gioco era una persona straordinaria, mentre in campo era il calcio, era inimitabile“. Poche parole ma significative. Anche Francesco Totti, nell’intervista a Verissimo, rende omaggio a Diego Armando Maradona. Parole sentite da parte dell’ex capitano della Roma.

Francesco Totti a Verissimo, il primo Natale senza papà

L’omaggio a Diego Armando Maradona, ma anche la scomparsa del padre. Silvia Toffanin e Francesco Totti hanno affrontato ogni tema. Sul pibe de oro, il pupone dice di volerlo ricordare come se fosse ancora vivo perché “per me rimarrà qui sulla terra“. “Quando ho smesso di giocare Maradona è stato il primo a chiamarmi per darmi sostegno e per dirmi di stare tranquillo“, ha svelato Francesco Totti. Un gesto che non dimenticherà mai, così come non dimenticherà mai le emozioni provate sul rettangolo verde. Anche se “con gli stadi vuoti non è più calcio, è uno sport diverso e dalla televisione non ti appassiona più come prima. Speriamo si possa tornare alla normalità il prima possibile”. Il prossimo Natale sarà il primo senza papà: “Sarà diverso”, ha detto. “Purtroppo non sarà come gli altri perche’ poco tempo fa ho perso mio padre”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA