Franco Simone: “Patty Pravo mi insegnò la naturalezza”/ “Bisogna lasciarsi andare”

- Alessandro Nidi

Franco Simone, ai microfoni di “Generazione Z”, trasmissione di Rai Due, ha asserito: “I giovani di oggi devono sforzarsi di capirci”

franco simone 640x300
Franco Simone (Generazione Z, 2022)

Franco Simone è intervenuto in qualità di ospite ai microfoni della trasmissione televisiva di Rai Due “Generazione Z”, condotta da Monica Setta e andata in onda nella seconda serata di martedì 24 maggio 2022. Il cantante ha innanzitutto rivelato come sia stata “Paesaggio” uno dei suoi più grandi successi internazionali, capace di vendere 8,5 milioni di copie, tanto che, ha riferito lui stesso, “in Sud America dicono che sia il brano italiano assolutamente più riprodotto”.

Ma che padre è Franco Simone? “Sono stato e sono un padre che ama sua figlia (Sara, ndr). Con l’età, tuttavia, ho imparato che non bisogna mai forzare la mano, in tutti gli ambiti, anche in quello professionale. Questo è un consiglio che voglio dare alle nuove leve. Da giovani si cerca di impressionare, di mostrare i muscoli. Invece, man mano che si va avanti, ci si accorge di come la naturalezza e il lasciarsi andare siano la cosa più bella che esiste, come mi ha insegnato Patty Pravo.

FRANCO SIMONE: “NON CREDO NELLA SEPARAZIONE DELLE GENERAZIONI, MA NEGLI INCONTRI”

Nel prosieguo del suo intervento in diretta tv su Rai Due, Franco Simone ha confessato di essere convinto della possibile alchimia generazionale: “Non credo nella separazione delle generazioni, credo piuttosto negli incontri – ha evidenziato –. Io credo molto nel concetto di libertà e nell’amore, evitando la competizione: personalmente detesto i genitori che mettono i figli in competizione, in quanto la condivisione è la cosa più bella”.

In conclusione, Franco Simone ha risposto a un quesito formulato da una ragazza presente in studio: come possono i ragazzi di questa generazione capire gli uomini e le donne della generazione antecedente? “Diciamo che noi cerchiamo di metterci nei panni dei più giovani e qualche volta anche i giovani dovrebbero mettersi nei panni dei meno giovani. Quando ero ragazzo, anche io avrei potuto dare un po’ più di affetto ai miei genitori”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA