FRED DE PALMA/ “Extasi? Canzone di un genere nuovo, un inno alla libertà”

- Emanuele Ambrosio

Fred De Palma è tra i protagonisti di Battiti Live con il nuovo singolo “Extasi” prodotto dall’inconfondibile duo Takagi&Ketra

fred de palma 640x300
Fred De Palma foto: Youtube)

Sul palco del Battiti Live arriva Fred de Palma con il nuovo singolo Extasi e il pezzo Romance. Alan De Palma, prima dell’esibizione, ha ricordato i 23 dischi di platino in Italia e i 5 in Spagna del cantante. Alan De Palma gli chiede del suo nuovo singolo a fine esibizione: “Il singolo nuovo è un genere nuovo, mi è piaciuto tantissimo e volevo farlo per l’Italia, è un inno alla libertà”.

Di recente il cantante ha parlato del reggaeton attraverso Billboard.it: “Se lo odiassero non venderei così tanti dischi! Oggi non credo sia più così. Anche sul rap all’inizio le persone dicevano che facesse schifo. Vigeva lo stereotipo “rapper = Yo, yo, fratello”. Comunque, se noi apriamo ora Spotify troviamo almeno 15 pezzi di artisti che fanno reggaeton, o provano a farlo, quindi significa che è cambiato anche il loro gusto, non soltanto quello del pubblico”. (Aggiornamento di Anna Montesano)

Fred De Palma a Battiti Live con “Exstasi”

Fred De Palma è tra i protagonisti della nuova edizione di Battiti Live, l’evento musicale che si svolge in piazze della Puglia, alla quale partecipano numerosi artisti italiani e internazionali condotto da Elisabetta Gregoraci e Alan Palmieri. Il cantante presenterà sul palco il nuovo singolo “Extasi” prodotto dall’inconfondibile duo Takagi&Ketra e scritto con  La Sense , Paolo Antonacci, Alessandro Merli e Fabio Clemente. Un altro successo in arrivo per l’interprete di “Paloma”, “Un altro ballo” e “Una volta ancora” che con il reggaeton ha sbancato le classifiche. Parlando proprio di questo genere musicale ha dichiarato dalle pagine di Billboard.it: “se lo odiassero non venderei così tanti dischi! Oggi non credo sia più così. Anche sul rap all’inizio le persone dicevano che facesse schifo. Vigeva lo stereotipo “rapper = Yo, yo, fratello”. Comunque, se noi apriamo ora Spotify troviamo almeno 15 pezzi di artisti che fanno reggaeton, o provano a farlo, quindi significa che è cambiato anche il loro gusto, non soltanto quello del pubblico”.

Non solo, il cantante si è soffermato anche sul suo modo di fare musica: “la melodia, il modo di scrivere e di concepire le metafore rimangono sempre e comunque italiani. Anche il mondo latin si basa sulle punchlines ma in maniera diversa. E poi prendi Un altro ballo: senti che è italiano per quanto sia reggaeton, non potrebbe mai essere di Daddy Yankee, per dire!”.

Fred De Palma: “Takagi & Ketra? Mi hanno portato loro a Miami e in Colombia”

Il successo di Fred De Palma non è causale. Prima di arrivare in vetta alle classifiche, il cantante di reggaeton è stato per diverso tempo in Colombia per conoscere al meglio questo genere: “prima a Miami. Ho fatto Miami-Colombia-Milano-chiuso dentro senza poter uscire per la pandemia. Avevo già un disco pronto ma era completamente diverso da Unico. Meglio così. Del resto, scrivere a Milano un album reggaeton non mi sarebbe venuto benissimo”. Proprio a Miami ha conosciuto Bull Nene su cui ha detto: “è uno degli autori più importanti di musica reggaeton, ha lanciato J Balvin e insieme hanno rilanciato il genere nel 2016. Io sono andato da lui in Colombia a inizio 2020, perché volevo conoscerlo e capire come lavorava. Poi lui di rimando mi ha chiesto di ascoltare le mie cose. Io credo che lavoreremo insieme, ma in futuro. Non ha neanche troppo senso chiedergli di lavorare insieme per un disco italiano, magari lo farò per una hit mondiale! La costruzione di una hit internazionale non è detto sia simile a quella di una italiana”.

Infine la collaborazione con Takagi & Ketra: “sono stati tra i primi a credere nel reggaeton e soprattutto in me. Mi hanno portato loro a Miami e in Colombia a farmi conoscere le persone con cui già lavoravano. Del resto, hanno prodotto dei pezzi mondiali di personaggi pazzeschi. Hanno improntato tutto sul reggaeton, senza alcuna paura”.





© RIPRODUZIONE RISERVATA