Frederic Massara, chi è/ Maldini lo vuole al Milan, Biasin: “Deve fare in fretta”

- Dario D'Angelo

Frederic Massara, chi è il direttore sportivo che Paolo Maldini vuole portare al Milan: i talenti scoperti negli anni scorsi.

frederic massara 2019 lapresse 640x300
Foto Alfredo Falcone - LaPresse 24/11/2016 Roma ( Italia) Sport Calcio Roma - Vik. Plzen Girone E Europa League 2016 2017 - Stadio Olimpico di Roma Nella foto:frederic massara Photo Alfredo Falcone - LaPresse 24/11/2016 Roma (Italy) Sport Soccer Roma - Vik. Plzen Round E Europe League 2016 2017 - Olimpico Stadium of Roma In the pic:frederic massara

Frederic Massara viaggia verso la poltrona di ds del Milan, Fabrizio Biasin su TMW spiega che Maldini deve fare in fretta, ecco perchè: «Il Milan ha incassato il “no” per Tare. Non è un bel segnale. Cioè, gran bella mossa puntare su Maldini e Boban, ma il ds ora è fondamentale, soprattutto per affrontare il prossimo futuro. Arriva la fase delle plusvalenze da fare a tutti i costi e dei colpi di mercato da non sbagliare. Il prediletto ora pare essere Massara, allievo di Sabatini. Può essere una scelta intelligente, ma va fatta in fretta, anzi, subito: il ds serve ora, a settembre può andare pure in ferie». Queste, invece, le parole di Luca Pagni su Bollettino Milan: «Maldini e Gazidis cercavano un ds che sapesse individuare giocatori di qualità laddove nessuno era stato capace di guardare. Per comprare a poco e, nel caso, vendere a molto di più. Ma, soprattutto, capaci di costruire una rosa capace di migliorarsi anno dopo anno. Per Massara, cresciuto alla corte di una vecchia volpe come Walter Sabatini, a partire da Palermo, per poi approdare alla Roma e successivamente all’Inter, sarebbe la prima volta da protagonista e da ds senza più nessun nume tutelare. Il suo biglietto da visita? Assieme a Sabatini a Palermo ha scoperto Abel Hernandez, Josip Ilicic e Javier Pastore, mentre alla Roma sotto la sua gestione sono stati acquistati Pjanic, Lamela, Marquinhos, Benatia, Strootman, Nainggolan e Manolas. C’è stato anche qualche flop, ma è inevitabile quando si cercano calciatori ancora sconosciuti». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

CHI E’ FREDERIC MASSARA

Frederic Massara: è questo il nome individuato da Paolo Maldini per occupare il ruolo di direttore sportivo dopo aver incassato il no di Igli Tare, che ha deciso di restare alla Lazio. Ma chi è il maggiore indiziato a ricoprire una delle caselle più importanti nel nuovo organigramma dirigenziale rossonero? Carriera da calciatore discreto, Massara ha dalla sua un passato comune alla Fidelis Andria insieme a Marco Giampaolo, nuovo allenatore “in pectore” del Milan. Proprio il rapporto d’amicizia consolidato con il tecnico che con ogni probabilità siederà sulla panchina rossonera è uno dei motivi che hanno portato Maldini a considerare la sua candidatura. Per Giampaolo, infatti, contare in dirigenza su un uomo che conosce e condivide la sua idea di calcio potrebbe rivelarsi un valore aggiunto non da poco.

FREDERIC MASSARA NUOVO DS DEL MILAN?

Ma amicizia con Giampaolo a parte, Massara – che ha da poco risolto il suo contatto con la Roma – si è fatto conoscere in questi anni come uno dei migliori direttori sportivi in circolazione. La sua conoscenza del calcio giovanile è vastissima, il suo mentore è un certo Walter Sabatini, il dirigente cui è legata gran parte della sua carriera dirigenziale. La coppia Sabatini-Massara è stata in grado di regalare a Palermo talenti come Abel Hernandez, Josip Ilicic e Javier Pastore. L’abilità dirigenziale del tandem ha visto però il suo apice nell’esperienza nella Capitale: sotto la loro gestione sono infatti approdati a Roma giocatori come Lamela, Pjanic, Strootman, Marquinhos, Benatia e Manolas, giocatori che – ad eccezione del greco – hanno regalato oltre che prestazioni importanti anche ottime plusvalenze. Nel curriculum di Massara rientra anche qualche flop: Stekelenburg, Dodò e Nico Lopez per fare qualche nome. Ma sono certo più i colpi azzeccati che quelli sbagliati: è lui l’uomo giusto per far ripartire il Milan insieme a Maldini e Boban?



© RIPRODUZIONE RISERVATA