FUNERALI LUCA SACCHI A ROMA/ Chiesa gremita, assente la fidanzata Anastasiya

- Niccolò Magnani

Omicidio Luca Sacchi, oggi i funerali del 24enne ucciso a Roma. Assente Anastasiya. Parrocco: “La sua morte ha fatto morire anche noi”.

omicidio luca sacchi
Luca Sacchi (Sky Tg 24)

Chiesa del Santissimo nome in Maria all’Appio gremita per i funerali di Luca Sacchi, il 24enne ucciso a Roma. Famiglia, amici, conoscenti e semplici cittadini: tutti uniti per dare l’ultimo saluto al giovane, assente invece la fidanzata Anastasiya. L’uscita del feretro è stata accompagnata da un lungo applauso, con i genitori in lacrime per la scomparsa del figlio. «La morte di Luca ci ha colpito, in un certo senso ci ha fatto morire anche a noi», le parole del sacerdote che ha celebrato i funerali: «Il perdono è una espressione d’amore, perdona loro perché non sanno quello che fanno ha detto Gesù sulla croce». Il parroco ha poi aggiunto: «Auguro a tutti, a me compreso, che la morte di Luca sia per tutti motivo di vita. Che attraverso la sua morte possiamo rispondere alle parole di Gesù: ‘credi tu? Credo’», riporta Leggo. Gli amici di Luca hanno sfrecciato con le moto davanti alla chiesa poco prima dell’inizio della messa, ecco il ricordo del cugino Roberto: «Era un ragazzo d’oro che tutti i genitori avrebbero voluto come figlio: sempre sorridente. Da oggi sarà l’angelo del padre, della madre e di Federico: noi non ti dimenticheremo mai». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

FUNERALI LUCA SACCHI A ROMA

Sono previsti oggi a Roma attorno alle ore 14 i funerali di Luca Sacchi, il 24enne personal trainer ucciso il 24 ottobre scorso nel quartiere della zona Appia dopo una tentata rapina dai contorni ancora molto, troppo, misteriosi. Dopo le analisi e l’autopsia svolte dalla Procura di Roma che indaga sulla morte del povero Luca, il corpo è stato restituito la scorsa settimana alla famiglia che ha dunque potuto organizzare l’ultimo addio con i funerali per questo primo pomeriggio. Le esequie si terranno alle 14 in una chiesa della zona Appia, non specificata dalla famiglia che ha infatti chiesto massima riservatezza ai media per questo estremo, drammatico e doloroso ultimo commiato a Luca Sacchi: «la famiglia chiede di poter vivere con la massima riservatezza il giorno dell’addio a Luca, nel rispetto del proprio dolore e della sua giovane vita spezzata. Ringraziamo coloro che vorranno comprendere la nostra scelta», ha fatto sapere il loro avvocato in una nota pubblica. Sarà Padre Mario il parroco che celebrerà i funerali del giovane trucidato con un colpo di pistola alla testa di fronte al pub John Cabot, quello stesso prete che Luca Sacchi ogni tanto invitava nel ristorante gestito dal padre Alfonso in via delle Coppelle, non distante.

LUCA SACCHI: OGGI I FUNERALI, MA CI SONO NOVITÀ SULL’OMICIDIO

L’incognita in questi funerali è rappresentato ovviamente dalla presenza o meno della giovane fidanzata di Luca Sacchi, Anastasia Kylemnyk: 25enne baby sitter ucraina, la bellissima ragazza è al centro delle indagini per capire perché non tornino alcuni dettagli della sua ricostruzione di quella terribile sera in cui il suo Luca è stato ammazzato, tra racconti e contraddizioni emersi dopo le sue deposizioni. È testimone oculare dei due killer rei confessi, ora in carcere, Valerio Del Grosso e Paolo Pirino ma resta l’alone di mistero rispetto al movente e origine dell’omicidio: al momento su Anastasia non pende nessuna accusa e non è indagata ma secondo le deposizioni rese dagli amici dii Del Grosso «avrebbe ricoperto un ruolo di primo piano nella compravendita di droga – mai portata e termine – e sfociata nell’omicidio del suo fidanzato», riporta Il Messaggero. Non è chiaro se oggi ci sarà in chiesa, anche se dai racconti dei legali della famiglia Sacchi dopo la morte cerebrale confermata di Luca, Anastasia è sparita e non si è più fatta né vedere né sentire: è come una seconda figlia diceva papà Alfonso Sacchi giorni fa, ma pare che da quel giorno non abbia più voluto farsi sentire. Se per rispetto del dolore o perché nasconde qualcosa di quella sera tragica, questo sarà il tempo – e l’interrogatorio del pm Nadia Plastina nei prossimi giorni – a renderlo più chiaro. Nel frattempo emergono novità nelle indagini sull’omicidio dopo gli studi della balistica compiuti dalla scientifica: in sostanza, il colpo di pistola sparato alla testa di Luca Sacchi davanti al pub John Cabot a Colli Albani è stato esploso per uccidere dal basso verso l’alto, una vera e netta esecuzione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA