Gabriel Garko/ “Io, nudo per Tinto Brass. La bellezza? Ha rappresentato un limite”

- Carmine Massimo Balsamo

Gabriel Garko tra passato, presente e progetti futuri: “Ho smesso di temere il giudizio degli altri. Sono disposto a ‘imbruttirmi’ per un film”.

Gabriel Garko
Gabriel Garko

Attore di serie tv e film, sex symbol ma anche presentatore: Gabriel Garko è uno degli artisti più versatili dello spettacolo italiano ed è pronto a un ritorno da protagonista. Protagonista alle Giornate del Cinema Lucano 2019, dove gli è stato conferito un riconoscimento, il 47enne di Torino ha spiegato a Il Giornale Off di essersi preso una pausa perché «sentivo l’esigenza di un cambiamento. In questo periodo sono in ballo per alcuni progetti, di cui è ancora prematuro parlare, ma spero possano mostrare al pubblico il frutto di questa mia evoluzione». Un Garko nuovo, pronto a tornare sul piccolo schermo e raccogliere i consensi del suo pubblico ma non solo. Amato anche per la sua bellezza, l’attore ha spiegato che il suo lato estetico «in talune occasioni ha rappresentato un vero e proprio lite», sebbene lo abbia aiutato molto all’inizio.

GABRIEL GARKO: “MI SENTO UN UOMO PIU’ MATURO”

Gabriel Garko, recentemente paparazzato al fianco di Gabriele Rossi, ha sottolineato di non poter «non considerare anche tutte quelle volte che magari non ho ottenuto una parte perché considerato “troppo bello”». L’interprete ha evidenziato di vivere la bellezza con naturalezza e normalità, sottolineando di sentirsi un uomo più maturo e certamente «più attento al suo percorso interiore che a tutto il resto». E, a proposito di bellezza, sarebbe anche pronto a “imbruttirsi” per esigenze di copione: «In passato, mi è già capitato. Quando ho preso parte al film Le fate ignoranti di Ferzan Ozpetek, per poter interpretare un uomo malato in fin di vita, ho dovuto perdere 15 kg», rivelando di non aver praticamente toccato cibo per tre settimane.

GABRIEL GARKO: “IO, NUDO PER TINTO BRASS”

Spesso bersagliato dalla critica per alcune sue interpretazioni, Gabriel Garko ha tenuto a precisare di aver «smesso di temere il giudizio degli altri, quando si tratta di critiche gratuite»: il torinese ha spiegato di aver ricevuto in passato giudizi negativi per interpretazioni che «il giornalista di turno non aveva neanche visto». E, nella lunga intervista rilasciata ai microfoni de Il Giornale Off, il volto de L’onore e il rispetto ha rivelato un retroscena legato a Tinto Brass e al film Senso 45: «C’erano diverse scene di nudo integrale. In particolare, ne ricordo una in cui correvo a rallentatore dove le parti intime erano ben in vista. Eppure, provai più imbarazzo alla prima del film che sul set. Non a caso, subito dopo la prima proiezione, aspettai che tutti lasciassero la sala per alzarmi per ultimo e andarmene».



© RIPRODUZIONE RISERVATA