Gabriele Bonci/ Da Pizza Hero sotto al tendone per stupire (Bake Off Italia 2019)

- Morgan K. Barraco

Gabriele Bonci, Bake Off 2019: da Pizza Hero pronto a stupire sotto il tendone di Real Time. Riuscirà a conquistare i pasticceri amatoriali?

gabriele bonci 2019 instagram
Gabriele Bonci, Bake Off 2019

Gabriele Bonci , ospite a Bake Off Italia puntata 18 ottobre

Di nuovo il maestro Gabriele Bonci fra i protagonisti della nuova puntata di Bake Off Italia 2019. Il talent culinario di Real Time ospiterà ancora una volta il più grande panificatore d’Italia, reduce del successo ottenuto nelle prime puntate con il suo Pizza Hero. Questa sera Bonci sarà ospite dei quattro padroni di casa e metterà alla prova i concorrenti con una delle sue specialità. La presenza di Bonci garantisce tra l’altro la linea adottata dai piani alti dello show, ovvero di superare i confini che dividono il dolce dal salato. Anche se in realtà in questi ultimi giorni, lo chef è stato impegnato più che altro nella promozione della sagra della Castagna che si terrà il prossimo 20 ottobre a Careggine, nella provincia di Lucca. Come comunica sui suoi social, per l’occasione aprirà un turno di dodici ore, da mezzogiorno a mezzanotte, in cui offrirà le sue famose pizze al pubblico. Fra le grandi attese il suo Cavolo Nerone, la pizza con Zucca e Pomodorini Secchi che segue la scia del precedente Mio Figlio Nerone ed entrambi cavalli di battaglia per il suo Pizza Hero.

Gabriele Bonci: non solo re della pizza

Non solo re della pizza, ma anche del pollo fritto: Gabriele Bonci si unisce alle tendenze culinarie del momento per riportare la carne bianca al centro dei pasti del Bel Paese. Lo chef ha infatti inaugurato il nuovo locale dedicato alla sua nuova specialità lo scorso agosto, scegliendo di aprire solo tre giorni a settimana. L’orario di apertura, sottolinea La Repubblica, riguarda le uniche giornate in cui Bonci si trova nella Capitale. Gli avventori quindi hanno già avuto modo di assaggiare il suo pollo fritto, preparato secondo un mix di tradizione americano e garfagnano. Una terra molto cara al maestro e che vanta la presenza della sua Brigata agricola: “Abbiamo calibrato tutta la ricetta per far sì che il prodotto sia trasportabile in tutta Roma. Prova a mangiarlo domani e vedrai come regge l’esterno, come rimane croccante”. L’ennesima dimostrazione di come il re della teglia sia sempre in stretto contatto con allevatori e agricoltori italiani, data la volontà di servire solo pollo che proviene da uno specifico allevamento. “Credo nella collaborazione tra persone per fare sempre meglio e con loro abbiamo creato una chat che si chiama Brigata Agricola dove ci scambiamo idee e consigli“, ha dichiarato tempo fa a Cook_inc.



© RIPRODUZIONE RISERVATA