Gallette di mais Matt ritirate dal mercato/ “Potrebbero contenere pezzi di metallo”

- Silvana Palazzo

Gallette di mais Matt ritirate dal mercato. Il richiamo del Ministero della Salute perché “potrebbero contenere pezzi di metallo”. Ecco il lotto interessato

gallette bio matt
Gallette di mais Matt

Il Ministero della Salute ha predisposto il richiamato dal mercato di un lotto di Gallette di Mais bio di marchio Matt. L’allarme è stato lanciato a causa della possibile presenza di corpi estranei di natura metallica. Un rischio fisico per il quale sono interessate al richiamo le confezioni da 130 grammi con data di scadenza fissata al 12 giugno 2020. La decisione è stata presa il 30 agosto 2019. Sul sito del ministero si legge che è stato disposto il richiamo del prodotto “Matt non solo pane Le Mais bio – Galletta di Mais bio”, prodotto da A&D SpA Gruppo Alimentare e Dietetico, presso lo stabilimento di Sanorice Italia S.r.l. in via Paesi Bassi 1 a Borgo Vercelli, in provincia di Vercelli. Il consiglio a chi è in possesso del prodotto è di riconsegnarlo presso il punto vendita dove è stato acquistato. Il ritiro dunque riguarda il lotto 12062020. Come riportato da Sky Tg24, Coop, Bennet e Carrefour hanno già provveduto a ritirare le gallette in questione dai punti vendita.

GALLETTE DI MAIS MATT RITIRATE DAL MERCATO “PER PEZZI DI METALLO”

Coop, in particolare, ha spiegato che le cooperative coinvolte nel richiamo del lotto di Gallette di Mais bio di marchio Matt sono Consorzio Nord Ovest e Coop Centro Italia, Alleanza 3.0 e Unicoop Tirreno. Ma anche Bennet e Carrefour hanno condiviso il comunicato di allerta realizzato dal Ministero della Salute nelle pagine dedicate ai prodotti richiamati dal mercato. Un mese fa il Ministero della Salute segnalava un altro caso simile. Ma quella volta il richiamo riguardò un lotto di budino al cioccolato bio a marchio Sobbeke, anch’esso per possibile presenza di corpi estranei al suo interno. Ma in quel caso il rischio era più precisamente di trovare frammenti di vetro. Il bene distribuito era prodotto in confezioni da 150 grammi con data di scadenza fissata al 9 agosto 2019. Il lotto ( marchio di identificazione: DE NW 501 EG) proveniva dallo stabilimento di Amelandsbruckenweg 131, a Gronau-Epe, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, in Germania.



© RIPRODUZIONE RISERVATA