Genova, rissa con bastonate tra albanesi e romeni/ Tra i 5 denunciati anche un 15enne

- Silvana Palazzo

Genova, rissa con bastonate tra albanesi e romeni: un ferito (alla testa) finisce in ospedale. Anche un 15enne tra i cinque denunciati dalla polizia

Polizia macchina lapresse 2020
(Foto LaPresse)

Violenta rissa a Genova che poteva finire in tragedia. Un gruppo ha cominciato a litigare all’interno di un bar, poi ha proseguito la discussione all’esterno, per strada. Alcuni residenti hanno quindi allertato le forze dell’ordine, anche perché durante la rissa a colpi di bastone che stava andando in scena in via Giacometti, a San Fruttuoso, un testimone ha visto uno degli uomini estrarre una pistola. Quando sono arrivati sul posto, i poliziotti hanno trovato i cinque che stavano ancora litigando e uno di loro era ferito alla testa. Questi è stato trasportato in ospedale, dove – come riportato da Primocanale – è stato giudicato guaribile in 30 giorni. I cinque sono stati poi denunciati dalla polizia: si tratta di tre albanesi e due romeni, di età compresa tra i 33 e i 15 anni. Poco fuori il bar è stata trovata una spranga di 65 centimetri, invece nell’auto di uno degli albanesi è stata trovata una pistola giocattolo, oltre ad un coltello di 30 centimetri.

RISSA CON BASTONATE A GENOVA: 5 DENUNCIATI

Non ci sono certezze al momento riguardo i motivi della rissa avvenuta a Genova, ma stando a quanto ricostruito dai poliziotti sarebbe sfociata per una vendita di auto andata male. Nella nota diffusa dalla Questura di Genova si spiega che i cinque sono stati denunciati per il reato di rissa. Ma uno dei cinque è stato poi denunciato anche per “porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere” in quanto nell’auto di uno degli albanesi una pistola giocattolo, che era stata scambiata per una vera dal testimone sopraccitato, e un coltello di 10 cm. Tra i cinque denunciati, dunque, anche un minore di 15 anni. Quello delle risse è un problema per il quale a Genova si è arrivato a parlare di “zone calde” da “militarizzare” o almeno controllare meglio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA