Gilles Villeneuve/ 38 anni dalla morte dell’Aviatore a Zolder: ricordo della Ferrari

- Michela Colombo

Gilles Villeneuve, 38 anni dalla morte dell’Aviatore a Zolder: re senza corona della formula 1 e pupillo di Enzo Ferrari. La rossa oggi lo ricorda.

gilles villeneuve lapresse archivio 640x300
Gilles Villeneuve (LaPresse - archivio)

Oggi 8 maggio 2020 si celebra una data importante per tutti gli appassionati della Formula 1: oggi, ma 38 anni fa abbiamo infatti assistito alla tragica morte di uno dei più grandi di questo sport, Gilles Villeneuve, il cui ricordo è chiaramente più che mai vivo nel cuore degli appassionati e non solo. Oltre ai suoi trionfi rimangono infatti nel cuore, come ricordi indelebili, le sue eccezionali imprese, il più delle volte ottenute su vetture non all’altezza della concorrenza, ma pure il suo coraggio e la grande passione. Per lui competizione e velocità erano l’unico credo, motto che però non scadeva mai nell’incoscienza. Per un pilota come Villeneuve infatti la velocità pareva condizione innata e naturale: che fosse al volante della Ferrari (che guidò dal 1977 al 1982) o di una motoslitta (con cui aveva cominciato a competere in Quebec) il pilota canadese rimaneva un passo davanti agli altri, a prescindere da risultati e titoli. E di fatti di mondiale della Formula 1 non ne ha mai vinto uno, ma pure re senza corona rimane un vero mito di questo sport, pericoloso ed eccitante assieme.

GILLES VILLENEUVE 38 ANNI DALLA MORTE

E proprio per il suo stile di guida pericoloso e veloce che molti hanno visto in lui un erede di Tazio Nuvolari, Enzo Ferrari in primis, che prese fin da subito il pilota canadese sotto la sua ala. Coccolato e seguito passo passo, Villeneuve aveva debutto nel 1977 con la Ferrari, sviluppando un legame molto stretto con la casa di Maranello, che reste anche ora. Proprio oggi la Ferrari ha infatti voluto ricordare con un sentito messaggio l’anniversario della morte di Gilles Villeneuve, pilota che rimane punto di riferimento per tutti gli appassionati della Rossa. É proprio con la scuderia del Cavallino che l’Aviatore ha firmato le sue imprese mirabolanti, che se non fosse stato per il drammatico incidente, certo sarebbero state ancor di più. Ma purtroppo quel terribile 8 maggio del 1982 il destino per Gilles Villeneuve aveva in serbo altro. Durante le qualifiche del Gp del Belgio, svolte sul tracciate di Zolder infatti la Ferrari 126 di Villeneuve andò a scontrarsi con la March guidata dall’ex compagno di squadra in McLaren Jochen Mass. In seguito schianto e dal volo di oltre 50 metri fuori dalla monoposto Villeneuve non riprese più conoscenza e perdemmo dunque uno dei protagonisti più affascinanti del mondo della Formula 1.



© RIPRODUZIONE RISERVATA