Gioia Mariano, scomparsa da Pescara 4 anni fa/ Davvero è “partita per un viaggio”?

- Dario D'Angelo

Giovina Mariano detta Gioia è scomparsa dalla provincia di Pescara quattro anni fa: per la Questura è un allontanamento volontario, ma i dubbi sono tanti…

morte simone mattarelli
Immagine d'archivio (Pixabay)

La storia di Giovina Mariano a Chi l’ha visto? I dubbi sull’allontanamento volontario

A Chi l’ha visto? riflettori accesi sul caso di Giovina Mariano, detta Gioia, donna scomparsa da Moscufo, in provincia di Pescara. La sparizione è avvenuta l’8 marzo del 2017, il giorno della Festa delle donne. All’epoca Gioia aveva 61 anni: oggi, se fosse ancora viva, ne avrebbe 65. A denunciare quello che lui stesso ha bollato come un “allontanamento volontario” è stato il fratello. Ma le modalità lasciano perplessi: l’uomo, infatti, si è recato dalle autorità soltanto 40 giorni dopo aver visto la sorella per l’ultima volta.

Difficile pensare che Gioia si sia allontanata di sua spontanea volontà: i cugini, che si sono rivolti all’associazione Penelope per capire cosa le sia successo, la descrivono infatti come una donna piena di progetti, tra cui quello di trasferirsi a Pescara, in una casa più piccola, vendendo quella di campagna dove aveva sempre vissuto.

Gioia Mariano, scomparsa da Pescara 4 anni fa: com mai nessuno se ne era accorto?

Ma com’è possibile che nessuno si sia accorto della scomparsa di Gioia prima della denuncia del fratello? Il fatto è che la donna non conduceva una vita mondana: ecco perché la sua sparizione è passata sotto silenzio. Descritte come una donna mite, qualche anno fa aveva scelto di lasciare il suo lavoro di impiegata presso il comune di Pescara per dedicarsi alle cure dei suoi genitori, anziani e malati. Quando si erano spenti, come riportato da Fanpage, insieme al fratello aveva ereditato diverse proprietà e depositi bancari: ciò le ha consentito di vivere con dei lavoretti saltuari.

Negli ultimi tempi, a fasi alterne, viveva insieme a lei il nipote, il figlio del fratello. Il giovane le aveva chiesto di trasferirsi a casa sua insieme alla fidanzata: cosa che però, come aveva confessato la stessa Gioia ad una vicina, non faceva piacere alla padrona di casa. Pare che proprio il nipote si sia trasferito con la compagna nella casa della zia dopo la sua scomparsa, fino a quando l’abitazione non è stata venduta all’asta insieme al terreno che la circonda. Il fratello della donna ha rifiutato di rilasciare dichiarazioni, ma i suoi legali a Chi l’ha visto? hanno detto: “I signori non intendono fornire informazioni perché sono stati fortemente toccati dalla vicenda”. Il nipote ha detto che la zia gli avrebbe detto di voler partire per un viaggio, chiedendogli anche consigli su dove andare. Alla tesi dell’allontanamento volontario sembra credere la Questura di Pescara.

© RIPRODUZIONE RISERVATA