Giorgio Gori vs Sanità Lombardia/ “Mostrati tutti i limiti”, Lega: “Si vergogni”

- Carmine Massimo Balsamo

Giorgio Gori attacca la sanità della Lombardia, Lega su tutte le furie. Centinaio: “Non ne ha azzeccata una dall’inizio dell’emergenza”.

giorgio gori sanità lombardia
Lombardia, Governatore Attilio Fontana col sindaco di Bergamo Giorgio Gori (LaPresse, 2019)

Giorgio Gori critica la Sanità della Lombardia per la gestione del coronavirus e scoppia l’ennesima polemica tra partiti in questa fase di emergenza. Il sindaco di Bergamo – esponente di punta del Partito Democratico – ai microfoni de Il Messaggero non ha speso belle parole per il modello lombardo della sanità: a suo avviso l’epidemia del Covid-19 ne ha messo in risalto le debolezze strutturali, tra le quali la rete della medicina sul territorio. «Con estrema fatica i presidi reggono. I limiti maggiori emergono nella sanità di territorio, che in Lombardia – nonostante gli sforzi che tutti stiamo facendo – non è solida come quella di Veneto ed Emilia Romagna. Purtroppo ora ne abbiamo la prova. La rete dei medici di medicina generale, che è il primo baluardo contro il contagio, è falcidiata dalla malattia, qui da noi 140 medici su 800», le parole di Giorgio Gori al quotidiano capitolino, con il primo cittadino bergamasco che ha poi evidenziato: «Troppe persone arrivano in ospedale tardi e in pessime condizioni, devono essere intubate in terapia intensiva. Molte in ospedale non riescono proprio ad arrivare e muoiono a casa: sono quasi tutti anziani con la polmonite, casi di Covid-19 non censiti, che sfuggono ai radar. Si fa fatica a dare assistenza con l’ossigeno, a intercettare per tempo queste persone e in ospedale non c’è posto per tutti. Servirebbe una rete territoriale più forte, adesso c’è una corsa a potenziarla».

GIORGIO GORI VS SANITA’ LOMBARDIA: IRA LEGA

Non è tardata ad arrivare la presa di posizione della Lega, che governa la Regione insieme agli alleati del Centrodestra: il capogruppo al Senato Massimiliano Romeo ha parlato di «attacco alla sanità lombarda squallido e inaccettabile perché offende l’abnegazione e la grande generosità di tutto il personale sanitario della nostra regione, quotidianamente in prima linea contro il virus». L’esponente del Carroccio ha aggiunto: «Gori si vergogni e sappia che i nostri medici, gli infermieri sono il cuore della nostra comunità ferita: chi li offende, offende donne e uomini di questa straordinaria terra, che invece merita vicinanza e ascolto», riporta Askanews. Dura la replica dell’ex ministro Gian Marco Centinaio: «Lui che non ne ha azzeccata una dall’inizio dell’emergenza, proponendo biglietti dei bus pubblici scontati per fare shopping o la riapertura dei musei cittadini, stia accanto alla comunità medica lombarda, ascolti, proponga, disponga: lo faccia, però, dai suoi uffici perché i ristoranti, anche quelli cinesi, sono chiusi per decreto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA