Giorgio Panariello/ “Pezzi Unici? Ci ho messo l’anima”(Tale e Quale Show)

- Emanuele Ambrosio

Giorgio Panariello torna a Tale Quale Show – Il Torneo per l’ultima puntata di quest’anno. Intanto promette di far visita ai terremotati

Giorgio Panariello domenica in
Giorgio Panariello
Pubblicità

Giorgio Panariello torna a ricoprire il ruolo di giudice per l’ultima puntata di Tale e Quale Show – Il Torneo. Il comico ed attore intanto è pronto a tornare in tv, ma questa volta come attore nella fiction “Pezzi Unici” di  Cinzia Th Torrini in cui recita accanto a Sergio Castellitto. Una serie importante in cui interpreta il personaggio di Marcello: “è un fabbro, e lui e Vanni sono “uscio e bottega”, i loro laboratori sono uno accanto all’altro. Questo è il personaggio che sognavo di fare da tempo. Lo sa qual è la frase che la regista Cinzia TH Torrini mi ripeteva più spesso? Mi diceva: “Togli Mario il bagnino!” ha raccontato l’attore a Tv Sorrisi e Canzoni. Per Panariello, infatti, si è trattato del primo ruolo diverso dopo tantissimi anni trascorsi ad interpretare ruoli comici come ha rivelato a TV Sorrisi e Canzoni: “finora avevo fatto sempre ruoli comici dove si tende a caricare il personaggio. Invece qui dovevo togliermi il cabaret di dosso. Penso di esserci riuscito. Io ci ho messo l’anima”. Sul compagno di avventura Sergio Castellitto, invece, ha detto: “è stato un compagno di lavoro straordinario. Sul set accanto a lui avevo una grande ansia da prestazione. E invece mi ha dato dei consigli e la cosa che mi ha sorpreso di più è che me li ha dati, lucidissimi e puntuali, anche sulla comicità”.

Pubblicità

Giorgio Panariello: “Il cinema?  il modo di far vedere un’altra parte di me”

Attore di cinema e fiction, ma anche conduttore di grande successo. Giorgio Panariello non si è mai tirato indietro dinanzi a nuove sfide, anzi le ha affrontate sempre con grande entusiasmo portando a casa dei grandissimi risultati. Dopo il ruolo di giudice a Tale e Quale Show, Panariello torna in tv, ma questo volta come attore di “Pezzi Unici”, la nuova fiction di Ra1 lasciando così da parte per un attimo il grande schermo. “Il cinema non è mai stato primario nella mia carriera” – ha detto l’attore, che però ha fatto un’importante riflessione ai microfoni del Corriere – “ma mi sono reso conto che ti permette una cosa unica: superare te stesso, sceglierti dei personaggi più alti di te e sfidarti per poterli raggiungere. Lì posso interpretare ruoli che la tv in questo momento non mi consente di avere. È il modo di far vedere un’altra parte di me”. Parlando, invece, della televisione ha detto: “è un momento difficile soprattutto per un comico. Un tempo potevi lavorare su battute di politica e di attualità che scrivevi lunedì e portavi sabato in tv. Oggi se immagini una cosa il lunedì, la sera è già bruciata: ci sono comici ovunque sui social, ci sono siti dove uno può fare una battuta migliore della tua. E poi mancano i soldi, per il varietà ci vuole tanto: un corpo di ballo, la musica, le scene, gli ospiti, scintillio e splendore. Per la tv dovrei trovare un nuovo modo che possa sorprendere il pubblico ma anche me: io stesso mi sono stancato di reiterare la stessa cosa”.

Pubblicità

Giorgio Panariello fidanzata: la domanda di Leonardo Pieraccioni

Giorgio Panariello ha vissuto un’infanzia diversa da tanti altri bambini. Il padre se ne è andato, mentre la madre l’ha lasciato dai nonni: “lo vivevo come un amore surrogato, per me era un palliativo, ma crescendo ho capito l’importanza di questo amore che mi è stato dato”. Nonostante tutto, l’attore al Corriere ha dichiarato: “sono fortunato, sono riuscito a fare quello che sognavo da sempre, da quando mi chiudevo in bagno e mi intervistavo da solo usando la spazzola di mia nonna come microfono, oppure quando mi divertivo a scuola durante le lezioni a scarabocchiare la mia firma: ha avuto tante evoluzioni, la cambiavo ogni volta, evidentemente avevo voglia di fare autografi… Ora chiedono solo foto, tanta fatica sprecata”. Il successo però non è tutto, ed oggi all’età di 59 anni a volte pensa a quella famiglia che non è riuscito a creare: “probabilmente però ho saltato il momento giusto, ho pensato forse troppo a me stesso e al lavoro. Per fare un figlio adesso occorre pensarci molto bene”. Un’urgenza che anche gli amici di sempre percepiscono. Un esempio è quello di Leonardo Pieraccioni: ” la prima domanda che mi fa quando mi vede con una nuova ragazza è: ‘Ma questa te la sposi?’ E lo dice lui che non si è mai sposato. Forse se mi sposo io, si convince pure lui” ha detto l’attore che non nasconde che tra i suoi sogni nel cassetto c’è proprio quello di una famiglia.



© RIPRODUZIONE RISERVATA
Pubblicità