Giovanni Ciacci ha il covid: “Positivo ma asintomatico”/ Gli auguri di Adriana Volpe

- Davide Giancristofaro Alberti

Giovanni Ciacci ha scoperto di avere il covid: è positivo ma è al momento asintomatico. Numerosi i messaggi d’auguri fra cui quello di Adriano Volpe

Giovanni_Ciacci
Giovanni Ciacci

Anche Giovanni Ciacci ha il coronavirus. Il noto costumista, spesso e volentieri ospite dei programma televisivi, a cominciare dagli show di Barbara D’Urso, è risultato positivo al covid. L’annuncio è stato dato dallo stesso 49enne di Siena attraverso i propri social, così come ormai da prassi per il mondo dello spettacolo. Giovanni Ciacci, che si sottopone costantemente ai tamponi per il covid visto il suo impiego televisivo, è risultato positivo durante l’ultima verifica, e al momento è totalmente asintomatico, senza mostrare i segni evidenti dell’infezioni di covid. La notizia si è diffusa velocemente nelle scorse ore e per tranquillizzare i suoi follower lo stesso stylist ha pubblicato un post sulla sua pagina Instagram: «Ciao amici, ho saputo da un paio di ore che il mio tampone settimanale è risultato positivo al Covid. Sto bene, ad ora non ho nessun sintomo e sono già in isolamento. Spero di aggiornarvi presto di come andrà questa nuova battaglia da affrontare. Io non mollo».

GIOVANNI CIACCI HA IL COVID: LO SFOGO CONTRO BIANCA GUACCERO

Numerosi i messaggi d’affetto da parte dei suoi fan, tutti di pronta guarigione, fra cui anche quello della conduttrice di “Ogni Mattina”, Adriana Volpe, ex concorrente del Grande Fratello Vip, che conduce lo show di Tv8 dove proprio Giovanni Ciacci cura una rubrica quotidiana. «Per qualunque cosa – ha scritto l’ex presentattrice de I Fatti Vostri – sai che ci sono sei un leone». Giovanni Ciacci è stato fino all’anno scorso una presenza fissa del programma di Rai Due “Detto Fatto”, e ieri ha rilasciato un’intervista a BubinoBlog in cui ha speso parole di fuoco nei confronti di Bianca Guaccero: “Non mi ha fatto nemmeno una telefonata quando mi hanno licenziato dalla Rai. Io sono abituato a lavorare con primedonne che si battono per avere la propria spalla accanto, si tengono stretto il gruppo di lavoro e decidono loro chi avere accanto. Forse le sue priorità erano altre e ha ceduto a giochi di agenzie e di potere politici interni alla Rai, ai quali io non mi sono mai sottomesso”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA